Abbigliamento sportivo, come eliminare il cattivo odore

In estate esplode un problema che già ci trasciniamo tutto l'anno. Ecco una serie di consigli per togliere la puzza senza rovinare i tessuti high-tech.

0 264

Abbigliamento sportivo, con l’arrivo dell’estate gli odori si intensificano ed è più difficile eliminare quelli più pungenti. Il problema è dovuto al fatto che le fibre sintetiche utilizzate sono il risultato di studi high-tech incredibili per quanto riguarda leggerezza, aderenza, traspirazione e aderenza al corpo, però spesso catturano gli odori che sono difficili da eliminare anche dopo un lavaggio in lavatrice. Perché? I vestiti ad alte prestazioni allontanano il sudore, mantenendoci asciutti e comodi mentre ci stiamo esercitando in palestra o all’aperto. Ma quel sudore deve andare da qualche parte. E possiamo notare che la puzza è ancora lì, non importa quante volte mettiamo gli indumenti in lavatrice.

TESSUTI HIGH-TECH – L’abbigliamento tecnico per l’allenamento è realizzato con tessuti di poliestere, che dopo l’attività fisica è molto meno profumato rispetto al naturalissimo cotone, perché il poliestere è un terreno fertile per i batteri che producono odore, secondo i microbiologi. Infatti, il sudore fresco non ha molto odore. Ma mentre si infiltra negli indumenti di poliestere, i batteri abbattono acidi, ormoni e composti di zolfo in composti più piccoli e più puzzolenti.

LA RICERCA – Per lo studio, i ricercatori hanno raccolto le magliette di un gruppo di atleti dopo intense sessioni di spinning e hanno incubato le camicie per 28 ore prima di sottoporle a ispezione da parte di un panel di esperti di odori (lavoro divertente.) Le magliette da allenamento in poliestere erano molto più ordinate rispetto a quelle in cotone. I ricercatori sospettano che i batteri possano crescere meglio sul poliestere a causa della natura della sua superficie. Suggeriscono però che se l’odore del corpo è un problema fastidioso, di provare abbigliamento in cotone. Ma molti atleti hanno imparato ad amare i loro abiti high-tech. Quindi ecco alcuni suggerimenti per non farli più puzzare.

ALL’ARIA APERTA – La maggior parte di persone frequenta la palestra o lo studio di yoga, poi infila gli abiti high-tech madidi di sudore nei borsoni, finché non arrivano a casa. Questa azione pratica rende solo le cose peggiori, perché l’interno della borse bui e scuri incoraggiano l’insorgenza dell’odore. Chuck Stark, un istruttore senior della REI Outdoor School di Chicago, dice che mettere subito in lavatrice la divisa da allenamento può rilasciare un forte odore. Il consiglio è, finché i vestiti non vengono lavati, è una mossa intelligente lasciare asciugare i panni all’aria prima di metterli nel cesto o nella borsa della biancheria. Perché? Perché quando i vestiti da l’allenamento, impregnati di sudore, vengono gettati in un mucchio inzuppato, creiamo un ambiente ideale per i batteri che daranno una grande festa dell’odore.

Prova a rovesciare i vestiti prima di metterli nella lavatrice. (Photo: megastocker/Shutterstock)

LAVARE I VESTITI A ROVESCIO – Prima di scegliere cosa mettere in lavatrice, rovescia tutti i vestiti. Tutto il sudore, gli oli e altre secrezioni corporee si accumulano all’interno, quindi capovolgere gli abiti e mettere quella superficie all’esterno e la mossa migliore per ottenere un lavaggio migliore. Questa semplice operazione dà all’acqua e al detersivo una migliore possibilità di arrivare direttamente alla fonte del cattivo odore.

PRE-AMMOLLO DI ACETO – L’aceto è il trucco ideale per l’eliminazione degli odori. Consigliamo l’aceto bianco oppure quello di sidro di mele, entrambi ottimi, non danneggiano i tessuti e non lasciano alcun alone. Il pre-ammollo si può fare in due modi. Il primo consiste in pre-immergere gli abiti tecnici in catino in cui avrete versato una tazza di aceto e acqua fredda prima di lavarli come al solito. Si lascia il bucato in immersione per 15-30 minuti, quindi lo si mette in lavatrice. Il secondo metodo evita il fastidio del pre-ammollo. Basta aggiungere un quarto o mezzo bicchiere di aceto, all’inizio del ciclo di lavaggio o durante il ciclo di risciacquo.

BICARBONATO DI SODIOUna alternativa all’aceto è il bicarbonato di sodio. Così come il bicarbonato elimina gli odori rancidi dal frigorifero e dalla lavastoviglie, funziona anche con l’abbigliamento da allenamento. Basta versarne circa una tazza durante il ciclo di lavaggio.

Detergenti speciali studiati per togliere gli odori dagli indumenti sportivi. (Photo: Nataly Studio/Shutterstock)

DETERGENTI SPECIALI – In commercio esistono detersivi sportivi appositamente realizzati per risolvere il problema degli odori persistenti. Percorrendo la corsia dei detersivi del supermercato si notano i detergenti sportivi che promettono di risolvere il problema dell’odore. Sia che scegliate di utilizzare uno di questi prodotti speciali sia che vogliate affidarvi semplicemente al vostro normale detersivo, non usatene mai più di quanto raccomandato. Sembrerebbe logico che più sapone liquido si mette, più puliti risulteranno i nostri vestiti, ma gli esperti sostengono l’esatto contrario.

“Quando si utilizza più detersivo della dose appropriata, la schiuma non viene completamente lavata nel ciclo di risciacquo e se il sapone viene lasciato sui vestiti, dà a tutti quei batteri che causano odori una fonte extra di energia, perché i batteri amano nutrirsi di sapone”.

EVITA L’AMMORBIDENTE – Gli abiti da allenamento sono probabilmente abbastanza morbidi, quindi lascia l’ammorbidente sul ripiano. In caso contrario, l’ammorbidente copre i vestiti high-tech con un rivestimento in grado di intrappolare gli odori e quel rivestimento sarà difficile da rimuovere.

“L’ammorbidente danneggia tutto ciò che si estende. Un sacco di volte gli indumenti da ginnastica escono dalla lavatrice e si percepisce un qualcosa che non ha profumo di pulito, perché l’ammorbidente è bloccato negli odori”.

ATTENZIONE ALL’ASCIUGATRICE – In realtà i tessuti high-tech asciugano infetta anche in inverno, per cui l’uso di questo elettrodomestico andrebbe sconsigliato. Se però avete la necessità di asciugare una maglietta tecnica in fretta, sarebbe importante effettuare sempre il test dello sniff prima di mettere l’indumento nell’asciugatrice. In caso contrario, il calore aiuterà a far crescere gli odori nei vestiti. Bisogna scegliere impostazioni basse o ad aria secca. Se si dispone di spazio e tempo, è quindi preferibile lasciare asciugare all’aria i vestiti. In genere, i tessuti ad alte prestazioni si asciugano rapidamente e durano più a lungo senza l’asciugatrice.

IL GHIACCIO SUI VESTITI TECNICI – Parrà strano, ma si può tentare di congelare i vestiti sporchi per togliere la puzza. Alcune persone lo fanno con i jeans e affermano che escono profumati come nuovi, anche se piuttosto gelidi. Fai un tentativo… e spera che le persone con cui vivi non si preoccupino di vedere i tuoi pantaloncini da palestra sudati nel freezer, accanto alla loro vaschetta di gelato preferito.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.