Bosco Verticale si aggiudica il RIBA Award for International Excellence 2018

Il famoso grattacielo green di Milano è uno dei venti vincitori dell’Award of Royal Institute of British Architects 2018 for International Excellence.

0 89

Bosco Verticale si aggiudica il RIBA Award for International Excellence 2018. Il famoso grattacielo green di Milano è un nuovo approccio ai grattacieli in cui coesistono alberi e persone. La motivazione della giuria recita: “Realizzando il connubio tra la biodiversità e la trafficata vita urbana e creando un proprio microclima, il Bosco Verticale influisce sulla densità e sulla qualità dell’aria, dando vita, in questo modo, a una botanica architettonica che è allo stesso tempo avvincente e sorprendente”. Essenzialmente è un concetto architettonico che sostituisce i materiali tradizionali delle superfici urbane usando la policromia cangiante delle foglie per le sue facciate esterne. Il progetto consiste in due torri di 80 me 112 m, su cui sono stati piantati quasi 17mila alberi, arbusti e piante. Ciò fornisce la vegetazione equivalente di 20mila m² di bosco e sottobosco all’interno di una superficie urbana di 1.500 m². Un’architettura biologica che rifiuta un approccio strettamente tecnologico e meccanico alla sostenibilità ambientale.

Bosco Verticale, ph. Giovanni Nardi

BIODIVERSITÀBosco Verticale incrementa la biodiversità, favorisce la formazione di un ecosistema urbano nel quale diverse tipologie di verde creano un ambiente verticale in rete che potrebbe anche essere colonizzato da volatili e insetti, diventando un sensore urbano della ricolonizzazione vegetale e animale spontanea della città. La ripetizione nella città di più Boschi Verticali realizza una rete diffusa e capillare di corridoi ambientali che innervano i principali parchi urbani, consolidano il verde dei viali e dei giardini e connettono gli spazi sottoposti alla crescita della vegetazione spontanea alla rete generale.

PER SAPERNE DI Più: PARIGI AVRà UN BOSCO VERTICALE

MICROCLIMA E ASSORBIMENTO DI CO2 – Bosco Verticale aiuta a costituire un microclima e a filtrare le poveri sottili nell’ambiente urbano. La diversità delle piante aiuta a creare un microclima che produce umidità e ossigeno, assorbe CO2 e polveri, e protegge dall’irraggiamento e dalla polluzione acustica. I Boschi Verticali offrono inoltre un panorama cangiante allo sguardo della metropoli.

PER SAPERNE DI Più: 570 BROOME, LA SUA FACCIATA PULISCE L’ARIA A NEW YORK

ANTI-SPRAWL – Bosco Verticale contribuisce a controllare e ridurre l’espansione urbana. A livello di densificazione urbana: ogni torre di Bosco Verticale costituisce l’equivalente di un’area periferica di ville monofamiliari e palazzine di circa 50mila metri quadri.

Bosco Verticale, ph. Paolo Rosselli

LA SCELTA DLLE PIANTE – Nel Bosco Verticale la scelta delle essenze, elemento identificativo del progetto architettonico degli edifici e del sistema di giardini pensili, e la loro distribuzione secondo gli orientamenti delle facciate e delle altezze, è il risultato di più di due anni di studi condotti insieme a un gruppo di botanici. Le piante inserite sull’edificio sono precoltivate in vivaio al fine di configurarle secondo le esigenze del progetto. La gestione delle vasche è condominiale, così come lo sono la manutenzione e la sostituzione di tutto il materiale vegetale, e il numero di piante stabilito per ciascuna vasca. Nello studio micro meteorologico, il calcolo dei fabbisogni di irrigazione è stato eseguito esaminando le caratteristiche climatiche, e diversificato in base all’esposizione delle facciate e della distribuzione della vegetazione ai piani.

PER SAPERNE DI Più: UN BOSCO VERTICALE ANCHE IN OLANDA 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.