La rivista di stile, vita, benessere e cultura green a 360 gradi

Cavalli in regalo all’Asinara

Cani o gatti? No, se vuoi un cucciolo il Parco dell'Asinara regala cavallini.

274

Ci sono 170 cavalli attualmente nel Parco Nazionale dell’Asinara, in prevalenza vivono allo stato brado nella piana di Fornelli. Secondo le stime del Parco, si tratta di un numero eccessivo rispetto alle risorse di foraggio presenti nell’area dedicata al loro pascolo. Le conseguenze? La riduzione della varietà del pascolo e qualche problema per gli ecosistemi vegetali. L’insufficienza del foraggio ha inoltre reso necessario acquistare grandi quantità di fieno e mangimi per sostenere gli animali.

LA SOLUZIONE – Il Parco ha così deciso di correre ai ripari ed ha coinvolto l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale per determinare la soluzione migliore rispetto al grande numero di cavalli inselvatichiti. Che fare? Per prima cosa è stato individuato il numero di animali sostenibili per l’ecosistema Asinara, che ammonta ad un massimo di 80 unità, una drastica riduzione del 50%.
Ma dove mettere i cavalli in più? Perché non regalari? Il primo passo per raggiungere questo obiettivo infatti è stato quello di decidere di allontanare i cavalli più giovani, sotto i tre anni.
Sul sito del Parco è stato pubblicato uno specifico avviso per l’allontanamento dei giovani cavalli in eccesso, con relativa modulistica per la domanda per la loro cessione gratuita come animali a vita.

I REQUISITI – Per chi volesse prendere in consegna gratuitamente un cavallo dell’Asinara non è necessario possedere un’azienda agricola, basta un terreno sufficientemente ampio da garantire il necessario spazio per la mobilità e il benessere del cavallo.
L’altro elemento indispensabile per poter prendere un cavallo è acquisire uno specifico codice Asl rivolgendosi al veterinario della stessa azienda sanitaria per la sua iscrizione nel registro degli equidi.
L’Ente Parco consegnerà animali sotto i tre anni vaccinati, con microchip identificativo, test di coggis effettuato e primo addestramento “alla corda”. Il richiedente dovrà sostenere le sole spese per il trasporto del cavallo o dei cavalli richiesti e il passaggio di proprietà con 16 euro.
Chi si fa avanti?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.