Dal TetraPak nuova carta con alto potere assorbente

0 150

Il riciclo è un volano per l’economia e apre sfide sempre nuove per la ricerca. Lo sanno bene Lucart e Tetra Pak che si sono unite per recuperare le fibre di cellulosa dai cartoni delle bevande. Risultato? Un’intera gamma di prodotti in carta riciclata e tonnellate di imballaggi riciclati.
Il progetto si chiama Natural e nasce grazie a una tecnologia innovativa che separa le fibre di cellulosa presenti nei cartoni per bevande dalle parti di polietilene e alluminio, senza l’utilizzo di sostanze nocive per l’uomo o per l’ambiente. Si ottengono così due nuove materie prima di alta qualità. Dalle fibre di cellulosa, si ottiene il Fiberpack®, la carta utilizzata per i prodotti per l’igiene delle linee Natural di Lucart, che vanno dalle salviette alla carta igienica, dai rotoli asciuga tutto ai fazzoletti.
Dal polietilene e dall’alluminio, invece, l’azienda ha ottenuto un materiale chiamato AL.PE.®, la materia prima utilizzata per produrre sistemi innovativi di erogazione di prodotti tissue pallets, pali di Venezia e piattaforme galleggianti per l’accesso alle sedie a rotelle e altri articoli comunemente usati, tutti riciclati e riciclabili una volta giunti a fine vita.
Un modello di sviluppo del prodotto che rispetta i principi dell’economia circolare, perché parte dalla valorizzazione dei rifiuti attraverso un corretto smaltimento e avvio al trattamento fino alla loro piena trasformazione in materie prime seconde, pronte per essere riutilizzate e immesse sul mercato.
Un impegno che in termini ambientali, dal 2013 al 2016 si traduce in:

[kelkoogroup_ad id="13540" kw="nature" /]

-oltre 2,8 miliardi di cartoni per bevande da un litro riciclati che, stesi uno dopo l’altro, equivalgono a una distanza pari a 16 volte il giro della Terra;

più di 1,2 milioni gli alberi salvati grazie a questa iniziativa, un valore pari a una superficie di più di 4.200 campi da calcio;

oltre 73mila tonnellate di CO2 in meno, che equivalgono alle emissioni prodotte da più di 578 mila viaggi in auto Roma-Milano.

La Redazione

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.