#Fridaysforfuture: il Climate strike, lo sciopero per il clima, contagia gli studenti italiani

0 1.294

#Fridaysforfuture sbarca in Italia e contagia studenti e cittadini. È l’effetto Greta. Oggi in tante città italiane si svolgono i #climatestrike sciopero per il clima, in cui il venerdì è diventato il giorno dedicato alla lotta per salvare il Pianeta – seguendo l’esempio di Greta Thunberg, la sedicenne di Stoccolma che marina la scuola tutte le settimane – ma lei lo definisce un vero e proprio sciopero – per piazzarsi davanti al Parlamento svedese e protestare contro la mancanza di azione rispetto al cambiamento climatico che minaccia il pianeta. Così in molte città italiane, tra cui Milano davanti a Palazzo Marino, oggi dalle ore 12.30 un crescente gruppo di persone si unisce nello sciopero contro il cambiamento climatico. Una manifestazione pacifica ispirata dalle azioni di Greta, l’ormai celebre attivista svedese, impegnata in questi giorni a Davos, in Svizzera, per il World Economic Forum 2019. Come fare per partecipare? Basta portarsi un cartello e, se sei uno studente, scriverci sopra #SchoolStrike4Climate – ispirandosi alla celebre scritta “Skolstrejk för klimatet” (Sciopero della scuola per il clima n.d.r.) di Greta -, oppure semplicemente #ClimateStrike. Intorno a Greta Thunberg, infatti, è nato il movimento #FridaysForFuture perché è il venerdì il giorno in cui la giovane attivista svedese sciopera da scuola da diversi mesi, di fronte al Parlamento di Stoccolma.

[kelkoogroup_ad id="13540" kw="nature" /]

#FRIDAYSFORFUTURE IN ITALIA – In Italia continuano a crescere gli appuntamenti settimanali in cui i cittadini scendono in piazza ogni venerdì con i loro cartelli per salvare il Pianeta dal cambiamento climatico. A Milano sono due gli appuntamenti davanti a Palazzo Marino: alle ore 12.30 il #Fridaysforfuture, mentre alle 9.00 del mattino la protesta è stata degli appassionati di corsa, i runners, che col gruppo #Runnersforfuture, hanno deciso di correre, con i loro cartelli, in piazza della Scala.

Ecco gli appuntamenti di oggi, città per città.
Roma – ore 14.45 davanti a Montecitorio
Pisa – ore 9.00 davanti al Municipio
Milano – ore 12,30 davanti Palazzo Marino
Brescia – ore 12,30 Piazza della Loggia
Bologna – ore 13, davanti Palazzo D’Accursio, Piazza Maggiore
Venezia – ore 13, Via Forte Marghera, 191
Torino – ore 15, Piazza castello
Genova – ore 17 in Piazza Deferrari
Taranto – alle 20.30 in piazza della Vittoria.

GRETA THUNBERG – Ha solo 16 anni, ma è già un’attivista ambientale, che non si spaventa di dire la sua davanti a migliaia di persone e perfino davanti ai rappresentati dei Governi in una Conferenza Mondiale sul Clima. La sua protesta è nata con uno sciopero da scuola e un sit-in davanti al parlamento svedese, ma oggi il suo appello viene ascoltato da migliaia di studenti in tutto il mondo. Greta è diventata un figura di riferimento tra gli attivisti che combattono per la difesa dell’ambiente, tanto da essere stata invitata a partecipare a Katowice, in Polonia, alla Cop24, la Conferenza Mondiale sul Clima alla quale hanno partecipato 196 governi con lo scopo di trovare un’intesa per rendere effettivi gli Accordi di Parigi del 2015. In questa occasione Greta si è rivolta senza peli sulla lingua ai Governi con quella semplicità e schiettezza che solo i giovani riescono ad avere. Lo scorso 10 dicembre il Time ha pubblicato l’elenco dei 25 teenager più influenti al mondo, e tra questi ha inserito anche Greta Thunberg. “Ho pensato che non stia accadendo nulla e nessuno stia facendo nulla: è mio dovere morale fare quello che posso – ha dichiarato al Time parlando della sua missione -. Non posso votare, quindi questo è un modo per far sentire la mia voce”.

LA MARCIA GLOBALE DEL 15 MARZO – Se Greta Thunberg è riuscita ad arrivare al cuore di così tante persone, significa che è forte la preoccupazione per le sorti della Terra e l’indignazione per una mancata presa di posizione da parte dei leader politici di fronte a quanto sta accadendo all’ambiente. Il prossimo passo sarà quello di partecipare alla Marcia Globale a favore del clima prevista per il prossimo 15 marzo 2019. Hanno già aderito all’iniziativa ben 40 Paesi al mondo. Ma questo è solo l’inizio

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.