Da gennaio 2018 solo sacchetti biodegradabili per l’ortofrutta

0 133

Anno nuovo vita nuova. È proprio il caso di dirlo per quanto riguarda la spesa al supermercato, infatti nel reparto dell’ortofrutta si potranno usare solo sacchetti biodegradabili che avranno un costo per i clienti.
Dal 1 gennaio 2018 le buste ultraleggere in plastica (con spessore inferiore ai 15 micron) che ora utilizziamo per pesare gli alimenti dovranno essere sostituite da quelle biodegradabili e compostabili, nel rispetto dello standard internazionale UNI EN 13432.
La novità interesserà parecchie persone, visto che il 66% degli italiani acquista la frutta e verdura al supermercato e oltre l’80% ritiene quella sfusa “più sana” rispetto a quella in vaschetta.
Secondo una ricerca condotta da Ipsos per Novamont la novità non dispiace al 58% degli italiani, che però ritengono equo pagare per ogni busta un importo massimo di 2 centesimi di euro, anche se il 13% si dichiara contrario e non è disponibile a sborsare denaro.
Ma le novità non sono finite. Tutti i sacchetti biodegradabili e compostabili, comprese le shopper per la spesa, sempre a partire dal nuovo anno, dovranno contenere almeno il 40% di materia prima da fonte rinnovabile. Una percentuale che salirà al 50% nel 2020 e al 60% l’anno dopo.

[kelkoogroup_ad id="13540" kw="nature" /]

La Redazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.