Gigafactory, il tetto solare più grande del mondo

È in Nevada ed è firmato Tesla. Una volta terminato, il sistema da 70 megawatt sarà di gran lunga il più grande al mondo.

0 649

Gigafactory sarà il ‘tetto solare’ più grande del mondo, sorge in Nevada ed è firmato Tesla Inc. L’azienda di San Carlos, California, che prima si chiamava Tesla Motors, si è via via specializzata nella produzione di veicoli elettrici, certo, ma anche in sistemi di stoccaggio energetico e soprattutto pannelli fotovoltaici. Recentemente la Tesla ha iniziato a costruire un imponente impianto solare sul tetto in cima al suo Gigafactory 1 (GF1) fuori Sparks, Nevada. Una volta terminato, il sistema da 70 megawatt sarà di gran lunga il più grande al mondo; l’attuale detentore del record è il relativamente ‘piccolo produttore’ da 11,5 megawatt, che in India che può alimentare 8mila case.

Building Tesla ha pubblicato immagini satellitari del cantiere GF1, con pannelli solari installati sul lato nord della fabbrica. La Gigafactory fa parte della visione del CEO di Tesla, Elon Musk, per tracciare un futuro più pulito e sostenibile. In precedenza aveva annunciato l’intenzione di alimentare l’edificio del Nevada senza combustibili fossili, affidandosi invece a energie rinnovabili e batterie.

L’OBIETTIVO DI TESLA – L’obiettivo dichiarato di Tesla è accelerare la transizione del mondo verso l’energia sostenibile attraverso veicoli elettrici sempre più convenienti oltre alla generazione e allo stoccaggio di energia rinnovabile. Al centro di questi prodotti ci sono le batterie. Oggi alla Gigafactory, Tesla e Panasonic iniziano la produzione di massa di batterie agli ioni di litio, che saranno utilizzate nei prodotti di accumulo di energia Tesla e nel Modello 3.

BATTERIE AGLI IONI DI LITIO – La “cella 2170” cilindrica ad alte prestazioni è stata ideata e progettata congiuntamente da Tesla e Panasonic per offrire le migliori prestazioni al minor costo di produzione per veicoli elettrici e prodotti energetici. La produzione di celle 2170 è iniziata a dicembre e oggi la produzione prosegue quelle che saranno utilizzate nei prodotti energetici Tesla Powerwall 2 e Powerpack 2. La produzione di celle modello 3 seguirà nel secondo trimestre e, per la fine del 2018, il Gigafactory produrrà 35 GWh l’anno di celle a batteria agli ioni di litio, quasi quanto il resto della produzione di batterie di tutto il mondo.

Il Gigafactory sorge in Nevada, Stati Uniti.

GIGAFACTORY – Il Gigafactory è in fase di costruzione in modo che Tesla, Panasonic e altri partner possano iniziare a produrre immediatamente all’interno delle sezioni finite e continuare a espandersi in seguito. “L’approccio graduale ci consente inoltre di apprendere e migliorare continuamente le nostre tecniche di costruzione e operative mentre continuiamo a ridurre il costo dello stoccaggio di energia,” ha spiegato in una nota il CEO Elon Musk. “Già l’attuale struttura ha un ingombro di 1,9 milioni di piedi quadrati, che ospita 4,9 milioni di piedi quadrati di spazio operativo su più piani. E siamo ancora meno del 30%. Una volta completato, ci aspettiamo che Gigafactory sia l’edificio più grande del mondo”.

OTTIMIZZARE E RIDURRE I COSTI – Con Gigafactory già attivo e la produzione in crescita, il costo delle celle della batteria diminuirà in modo significativo grazie all’aumento dell’automazione e della progettazione dei processi per migliorare la resa, gli investimenti di capitale ridotti per Wh di produzione, la semplice ottimizzazione di localizzare la maggior parte dei processi produttivi sotto lo stesso tetto e le economie di scala. “Riducendo il costo delle batterie, riusciremo a rendere i nostri prodotti disponibili a un numero sempre maggiore di persone, consentendoci di ottenere il maggiore impatto possibile sulla transizione del mondo verso l’energia sostenibile” ha aggiunto Musk.

LAVORO NEGLI STATI UNITI – Portare la produzione di celle negli Stati Uniti consente di creare migliaia di posti di lavoro per gli americani. Solo nel 2017, Tesla e Panasonic hanno assunto diverse migliaia di dipendenti locali e al picco della produzione, Gigafactory impiegherà direttamente 6.500 persone e indirettamente creerà tra i 20mila e i 30mila posti di lavoro aggiuntivi nelle regioni circostanti. “GF1 è una fabbrica completamente elettrica senza combustibili fossili (gas naturale o petrolio) consumati direttamente“, ha detto Tesla. “Useremo il 100 percento di energia sostenibile. La torre solare è 7 volte più grande dell’attuale più ampio sistema solare su tetto installato oggi“.

PASSO DOPO PASSO – Il Gigafactory 1 viene costruito in fasi in modo che Tesla e i suoi partner possano produrre batterie mentre l’edificio continua a espandersi. Ha ufficialmente dato il via alla produzione di massa di batterie agli ioni di litio nel gennaio 2017. Il completamento dell’edificio è previsto per quest’anno. Una volta completato, Gigafactory produrrà annualmente 35 GWh / anno di batterie agli ioni di litio, che è “quasi come il resto della produzione mondiale di batterie“.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.