Graziella Green Power per una geotermia a emissioni zero

L'azienda aretina partecipa al progetto che contribuirà alla produzione di energia geotermica ambientalmente sostenibile in Europa e nel mondo.

0 176

Graziella Green Power farà parte del progetto europeo per una geotermia a emissioni zero. L’azienda italiana sarà tra le realtà europee coinvolte nello sviluppo di centrali geotermiche ambientalmente sostenibili. La realtà aretina (non a caso toscana, terra del Distretto delle energie rinnovabili) è tra i promotori del progetto Geco – Geothermal Emission Control che, inserito nel programma Horizon 2020 dedicato alla ricerca e all’innovazione, ha ricevuto dall’Unione Europea l’assegnazione di un progetto di ricerca per un importo complessivo di 16 milioni d’euro. L’obiettivo è di diffondere tecnologie energetiche sostenibili e senza impatto ambientale, contribuendo anche all’aumento dell’accettabilità sociale dell’energia geotermica, attraverso la costituzione di una rete che, oltre a Graziella Green Power e alla sua controllata Magma Energy Italia, prevede il coinvolgimento di altri diciassette partner europei (tra cui l’Università degli Studi di Firenze e il Consiglio Nazionale delle Ricerche). Geco contribuirà dunque alla produzione di energia geotermica ambientalmente sostenibile in Europa e nel mondo.

[kelkoogroup_ad id="13540" kw="nature" /]

GEOTERMIA E TECNOLOGIE INNOVATIVE – Questo processo sarà portato avanti con l’applicazione di tecnologie innovative che potranno ridurre significativamente le emissioni aeriformi degli impianti geotermici, re-iniettando il fluido geotermico e i suoi gas non condensabili nel sottosuolo e realizzandone così un sicuro confinamento. Alcune di queste tecnologie sono state recentemente sviluppate e testate con successo su progetti pilota in Islanda, dunque Geco dovrà dimostrarne l’efficacia e l’applicabilità per poterle poi diffondere nel resto del continente europeo.

COME FUNZIONA IL PROGETTO – Implementando insieme un accurato programma di monitoraggio ambientale, questa fase sarà svolta in quattro distinti sistemi geotermici: un serbatoio basaltico ad alta temperatura in Islanda, un serbatoio di gneiss ad alta temperatura in Italia, un serbatoio vulcanico-clastico ad alta temperatura in Turchia e un serbatoio sedimentario a bassa temperatura in Germania. Il progetto, infine, prevede anche momenti formativi e seminari interdisciplinari destinati a sensibilizzare geologi, ingegneri, ricercatori e operatori del settore verso la geotermia sostenibile.

«Graziella Green Power – commenta l’amministratore delegato Iacopo Magrini, – è da anni impegnata nello studio e nella progettazione di un modello di centrale geotermica ad emissione zero, nel pieno rispetto dell’ambiente e delle popolazioni. Il progetto Geco crea una rete tra più soggetti attivi in questo settore che, con il sostegno dell’Unione Europea, uniranno le rispettive competenze per sviluppare ulteriormente questa importante forma di energia pulita e rinnovabile».

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: FONTI RINNOVABILI, una scelta per l’ambiente e per i bilanci

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.