Gruppo Alpitour: con VOIhotels abolisce la plastica monouso dagli hotel

0 254

Il Gruppo Alpitour combatte la lotta globale alla plastica e lo fa in anticipo rispetto alla direttiva europea. La celebre catena alberghiera, infatti, ha sviluppato un importante piano dedicato alla sostenibilità, sociale e ambientale, che prevede un percorso green a step successivi. Il primo passo è stata la decisione di abolire completamente la plastica monouso nei propri hotel, anticipando anche la Direttiva Europea da poco varata che metterà al bando in Europa gli oggetti di plastica (piatti, posate e cannucce) dal 2021. La scelta di VOIhotels è stata netta: eliminare 1 milione di pezzi di plastica già nel 2019. In tutte le strutture alberghiere la plastica è stata sostituita con altri materiali, promuovendo anche un consumo più consapevole nella clientela che, come dimostrano le ricerche, vede crescere a ritmo costante la percentuale di chi è anche disposto a contribuire a una gestione green. A livello internazionale anche la catena alberghiera Hilton prova a “educare” i propri clienti, eliminando le cannucce di plastica dai suoi 650 hotel già dalla fine del 2018. L’impegno prevede l’eliminazione ogni anno di oltre cinque milioni di cannucce di plastica e 20 milioni di bottiglie.

[kelkoogroup_ad id="13540" kw="nature" /]
Il Gruppo Alpitour, attraverso VOIhotels,ha deciso di eliminare 1 milione di pezzi di plastica già nel 2019.

PLASTIC-FREE IN ITALIA – Il precursore è stato Antonio Fentini. Il sindaco delle Tremiti ha portato nelle isole i media di tutta Italia per parlare della sua “rivoluzione”: un’ordinanza con cui vieta l’utilizzo di stoviglie di plastica. Dall’1 maggio del 2018, infatti, alle Tremiti niente plastica, solo contenitori biodegradabili. Un provvedimento spinto dal report del Cnr di Genova, che aveva denunciato come nelle acque delle Isole Tremiti ci fosse una concentrazione di microplastiche fra le più alte d’Italia. E così, Fentini è diventato un vero e proprio modello, seguito e imitato da varie amministrazioni comunali e input per aziende e imprese che hanno deciso di dare una svolta ‘green’ alla produzione interna.

IL PROBLEMA PLASTICA – Il tema è molto delicato e le conseguenze per l’ambiente sono disastrose. Basti pensare che la plastica è uno dei materiali che impiega di più per essere smaltito: sono necessari 500 anni per una cannuccia e 1000 per una bottiglietta. Se si pensa al consumo intensivo, soprattutto nei mesi caldi, di bevande, è facile capire che tipo di impatto ogni hotel può avere sull’ambiente e sul corretto smaltimento di questi materiali. L’attenzione all’ambiente e la salvaguardia del mondo sono finalmente temi sempre più attuali nell’agenda delle organizzazioni ed è fondamentale un’attivazione con iniziative mirate per diffondere un utilizzo sempre più consapevole delle risorse.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.