International Award in agribusiness: boom di candidati food innovation

0 277

International Award in agribusiness accoglie 440 progetti innovativi da oltre 100 paesi e 5 continenti. In meno di due mesi il concorso ha fatto il botto di candidature, incrementando di parecchio il numero già elevato di iscritti alle prime due edizioni, e soprattutto ha registrato un ampliamento del bacino dei Paesi partecipanti. Giunto alla terza edizione, il contest del Premio internazionale “Idee Innovative e Tecnologie per l’Agribusinessper i paesi in via di sviluppo è organizzato da UNIDO ITPO Italy, Ufficio italiano per la Promozione Tecnologica e degli Investimenti dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale. La cerimonia di premiazione è in calendario mercoledì 15 maggio presso EXCO 2019 a Roma, in occasione della prima fiera internazionale sulla cooperazione allo sviluppo, quest’anno in concomitanza con l’incontro annuale delle Agenzie per la Cooperazione allo Sviluppo degli Stati Membri dell’Unione Europea. Per il 2019 con UNIDO ITPO Italy collabora il Future Food Institute, realtà che si occupa di promuovere l’innovazione nell’intera filiera agro-alimentare e il relativo impatto sulla salute dell’uomo e della Terra. Il Future Food Institute è nato a Bologna ma è presto diventato internazionale, con una solida presenza in tutto il mondo: dalla Silicon Valley al Giappone.

[kelkoogroup_ad id="13540" kw="nature" /]
Alla fine del processo di selezione saranno premiati 7 vincitori, di questi uno rientrerà nella categoria Under 35.

CHI SONO I CANDIDATI – Le candidature provengono da startup e imprese, ricercatori e università, centri ricerca e di trasferimento tecnologico, associazioni e ONG, innovatori e agro imprenditori provenienti da tutto il mondo, che hanno proposto tecnologie e soluzioni innovative e sostenibili da applicare ad agricoltura e agroindustria nei Paesi in via di sviluppo: dalla produzione alla lavorazione e conservazione degli alimenti, dalla logistica al consumo, dalla gestione responsabile delle eccedenze alle commistioni tra agricoltura, energia e ambiente.

LA GIURIA – Tra i membri della giuria dell’International Award spiccano esperti del panorama agricolo, imprenditoriale ed istituzionale, in rappresentanza, fra gli altri, del FFI, del CNR – Consiglio Nazionale delle Ricerche, di Azimut, di PRIMA – Partnership for Research and Innovation in the Mediterranean Area, e giovani talenti under 30 riconosciuti a livello mondiale.

COSA SI VINCE – I vincitori saranno individuati in diverse categorie, tra cui: donne, giovani, rapporto tra cibo e cambiamento climatico, biodiversità e disruptive innovation. Ai vincitori saranno offerti servizi a supporto della promozione e valorizzazione delle proposte premiate oltre alla possibilità di sperimentare le proprie innovazioni nella Future Farm del Future Food Institute, i 60 ettari di terreno in Emilia Romagna dove si possono sperimentare progetti agribusiness, nonché la partecipazione a programmi di training e internazionalizzazione.

FOOD FUTURE INSTITUTE, COS’È – Fondato nel 2014 a Bologna è oggi un intero ecosistema che fa della Food Innovation uno strumento chiave per affrontare le grandi sfide del futuro, parlando al mondo, ma valorizzando il territorio partendo dalla Italia. Educazione, community e innovazione i pilastri dell’Ecosystem rappresentato ora da: Future Food Institute, Food Innovation Program, Future Farm, Future Food US e FF Urban Coolab.




Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.