La cannuccia sgranocchiabile per salvare il mondo

Queste cannucce sono il modo più divertente per salvare l'ambiente.

0 423

Una cannuccia da mangiare. Forse non tutti ci pensano sorseggiando un cocktail al bar o bevendo una bibita camminando: appena avremo finito la bevanda, la cannuccia di plastica usa e getta finirà nella spazzatura e non scomparirà dall’ambiente per i prossimi 200 anni. Non importa quanto sia buono quel cocktail: fa riflettere il fatto che qualcosa che abbiamo usato per cinque minuti inquinerà la Terra e l’atmosfera per i prossimi due secoli. Ed è questo motivo che ha portato Chelsea Briganti e Leigh Ann Tucker a inventare Lolistraw, una cannuccia commestibile fatta di alghe.

[kelkoogroup_ad id="13540" kw="nature" /]

LOLIWARE – Briganti e Tucker sono le fondatrici e co-amministratrici delegate di Loliware, la startup che sta dietro alla prima tazza commestibile, inventata per combattere l’inquinamento causato dal monouso di bicchieri di plastica. “Dopo aver progettato la prima coppetta commestibile al mondo, abbiamo deciso di immergerci più a fondo nel cuore del problema della plastica globale e affrontare le cannucce“, ha detto Tucker a Green Matters. “Poiché le cannucce di plastica non possono essere riciclate, si accumulano nelle discariche e inquinano i nostri oceani. La questione della plastica è molto sentita dai consumatori, dalle comunità e dalle aziende di tutto il mondo, motivo per cui siamo così entusiasti di condividere la nostra soluzione“.

LOLISTRAW – Lolistraw funziona come se fosse di plastica ma ne è priva al 100%. Composta da alghe, la cannuccia è ipercompostabile e biodegradabile, ed è anche priva di OGM, a differenza di altre sostituzioni di oggetti compostabili, che sono spesso realizzati con colture OGM come il mais. Inoltre, Lolistraw è compostabile nel compostaggio domestico, cosa che generalmente non accade con gli altri oggetti a base vegetale. Tuttavia, la cannuccia si disgrega quando viene usata. Prima di essere inserita in una bevanda, sembra proprio di plastica; la bevanda trasforma quindi la cannuccia in modo che diventi commestibile. Inoltre, le cannucce possono essere arricchite con aromi e sostanze nutritive, quindi non solo fanno un bel regalo quando la bevanda è finita, ma possono anche aromatizzare la bevanda stessa.

 

LE ALGHE – Briganti e Tucker hanno scelto di utilizzare le alghe per la cannuccia perché è una risorsa rinnovabile che non richiede terra e in realtà assorbe CO2, combattendo gli effetti di sostanze inquinanti come la plastica. Loliware progetta di collaborare con gli allevatori di alghe per sviluppare il loro prodotto nel prossimo futuro, oltre a sviluppare altri materiali a base di alghe per sostituire la plastica.

L’OBIETTIVO – “Il nostro obiettivo per il 2018 è di sostituire milioni di cannucce“, ha detto Briganti. Per raggiungerlo, stanno dialogando con le più importanti aziende del food. E mentre progettano accordi strategici per il nuovo anno, stanno anche offrendo una partnership di lancio come una delle ricompense per la donazione alla campagna Kickstarter. Con 5mila dollari, un’azienda può ricevere 10mila Lolistraws, inoltre Loliware organizzerà una campagna promozionale in collaborazione con l’azienda. “Vogliamo coinvolgere la nostra comunità e trovare i primi utilizzatori di Lolistraw per mostrare come sarà il futuro“, ha dichiarato Briganti a Green Matters. “Queste aziende lungimiranti possono accelerare l’adozione di Lolistraw e quindi accelerare la soluzione della nostra crisi plastica globale“.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.