La raccolta differenziata diventa “protagonista” della fiction ‘Che Dio Ci Aiuti’

0 213

La raccolta differenziata protagonista in tv. La quinta stagione della fiction di Rai1 Che Dio Ci Aiuti, già in onda da tre settimane, a partire dalla quarta puntata tratta il tema dei rifiuti, della raccolta differenziata e dell’avvio a riciclo in particolare dei contenitori in carta e cartone, plastica e alluminio. Grazie a un accordo fra la Rai e i tre consorzi nazionali, Cial (Alluminio), Comieco (carta e cartone) e Corepla (plastica), la raccolta, il recupero e il riciclo degli imballaggi diventano protagonisti della quinta stagione della fiction campione di ascolti che tanto appassiona gli italiani. Un messaggio che i tre Consorzi nazionali, in accordo con Rai Fiction e la casa di produzione Lux Vide, hanno deciso di affrontare con toni semplici e divulgativi, evidenziando gli aspetti positivi della raccolta differenziata, incentrati sulla considerazione che i rifiuti costituiscono ormai una risorsa da sfruttare al meglio e sempre di più.

[kelkoogroup_ad id="13540" kw="nature" /]

TEMATICA AMBIENTALE – Ogni giovedì, in prima serata su Rai 1, la tematica ambientale e i concetti cardine dell’economia circolare entreranno nelle case degli italiani grazie ad alcune scene della fiction dedicate all’uso e al consumo di imballaggi e contenitori che noi tutti compriamo, utilizziamo e poi gettiamo ogni giorno: bottiglie e flaconi di plastica, stoviglie mono uso, lattine, vaschette e scatolette per il cibo in alluminio, scatole, astucci e sacchetti di carta.

LO SCOPO? SENSIBILIZZARE – A raccontare al pubblico come fare una corretta raccolta differenziata e il valore del riciclo di alluminio, carta e plastica, saranno due personaggi entrati quest’anno nel cast: le gemelle Daniela e Silvia, due giovani e appassionate ambientaliste che cercheranno di coinvolgere gli altri protagonisti della serie attraverso alcuni “momenti green” leggeri ed anche scherzosi.

CHE DIO CI AIUTI – È la serie comedy che dal 2011 appassiona il pubblico di Rai1. Gli episodi sono ambientati nel convento più bizzarro del piccolo schermo, allegro e familiare, dove un gruppo di brillanti ragazze e una suora speciale affrontano le scelte più importanti della loro vita. Un convento “che non ti aspetti” per come è varia l’umanità che lo abita, per le storie che lo attraversano e che strappano lacrime e sorrisi, coinvolgendo sempre di più un pubblico giovane ed esigente.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.