Le auto Italgas? Saranno tutte a metano

Entro un anno saranno circa 2500 i veicoli della flotta Italgas alimentati a metano

0 643

Inizia da Torino, con la consegna delle prime autovetture, la conversione dell’intera flotta aziendale Italgas con veicoli alimentati a metano di Fiat Chrysler Automobiles. Nei prossimi giorni sarà il turno di Roma e Napoli, due tra le principali città in cui opera il Gruppo Italgas.
Per Italgas – primo in Italia e terzo in Europa nella distribuzione di gas naturale – si tratta di una tappa importante di un percorso che porterà un sostanzioso contenimento delle emissioni dannose in atmosfera.

[kelkoogroup_ad id="13540" kw="nature" /]

Alfredo Altavilla (Chief Operating Officer per l’area EMEA di Fiat Chrysler Automobiles) e Giacomo Carelli (CEO di FCA Bank e di Leasys), hanno simbolicamente consegnato le chiavi dei mezzi a Paolo Gallo (CEO di Italgas) e Paolo Bacchetta (CEO di Italgas Reti).
La trasformazione a metano di tutta la flotta aziendale è una delle iniziative varate con il piano industriale Italgas 2017-2023. I circa 2500 veicoli del Gruppo saranno sostituiti nell’arco dei prossimi 12 mesi con Panda, Fiorino, 500L, Doblò e Ducato “natural power”.

 

PERCHÈ IL METANO?

Oggi il metano per autotrazione rappresenta una scelta intelligente ed eco-sostenibile. È un combustibile ecologico, sicuro, pratico ed economico. Il suo impiego riduce fino al 43% (miscelato con biometano, nell’ottica well to wheel) le emissioni di CO2 e del 94-95% quelle di ossidi di azoto (NOx) e di particolato PM.

Panda, l’auto a metano più scelta di sempre

L’impegno di Fiat Chrysler Automobiles verso il gas naturale risale agli anni Novanta dello scorso secolo: una tecnologia italiana, che FCA ha fatto nascere e crescere, tra i primi costruttori a credere e a investire nello sviluppo di questo tipo di alimentazione. Oggi detiene circa il 45% del mercato europeo con oltre 740mila auto e veicoli commerciali venduti dal 1997 e Panda è l’auto a metano più scelta di sempre con più di 300mila esemplari venduti.

Ecco il video (fonte Today.it)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.