Marcus Lemonis, il miliardario che vuole salvare i parchi nazionali offrendo un lavoro

0 158

Il miliardario Marcus Lemonis non aspetta altro tempo: vuole salvare i parchi nazionali, offrendo opportunità di lavoro e cercando un esercito di volontari. Mancano solo pochi giorni al momento in cui l’attuale arresto parziale del governo diventi il più lungo nella storia degli Stati Uniti: più di 800mila lavoratori federali sono fermi e le aree critiche di cui si occupano stanno entrando in un territorio inesplorato, dove nessuno si sta più prendendo cura dei parchi e delle aree verdi. I segni delle crepe dovute allo stress sono ovunque, dagli appelli di GoFundMe a quelli dei dipendenti dei musei e dei giardini zoologici chiusi. L’impatto sui parchi nazionali è ancora più eclatante, con bidoni della spazzatura traboccanti, bagni chiusi, rifiuti e perfino graffiti e sentieri danneggiati che riempiono di cicatrici il paesaggio. Con i dipendenti del parco assenti e senza risorse disponibili per proteggere le aree verdi nazionali, i residenti come Dakota Snider della Yosemite Valley dicono che ormai siamo di fronte a un territorio abbandonato. “È così straziante“, ha detto a CBS News. “C’è più spazzatura e spreco umano e disprezzo per le regole di quante ne abbia mai viste nei miei quattro anni di vita qui“.

L’auto di un volontario è stata riempita di rifiuti raccolti nel parco nazionale di Joshua Tree. (Foto: National Parks Conservation Association / Flickr)

IL MILIARDARIO IN AZIONE – Marcus Lemonis, un miliardario filantropo e conduttore della serie di reality CNBC The Profit, è stanco di aspettare che Washington agisca. Sta radunando i suoi dipendenti e gli altri per contribuire a fare la differenza. Durante un live stream dell’8 gennaio su Facebook, Lemonis – proprietario di Camping World, il più grande rivenditore al dettaglio di camper e accessori RV – ha lanciato una campagna per offrire non solo un lavoro part-time alle sue centinaia di concessionarie e negozi al parco in disuso dipendenti, ma ha anche offerto una considerevole forza di volontari per aiutare a ripulire i parchi in difficoltà. “Se stai guardando questo video e lavori in un parco nazionale e sei disoccupato in questo momento, ti offro alcune ore presso le nostre sedi Camping World, le posizioni dei nostri concessionari nelle sedi di Gander in tutto il paese“, afferma nel video. Inoltre, Lemonis chiede anche ai funzionari del parco di sfruttare l’attivismo volontario che è intessuto nella cultura della sua azienda. Nel 2013 Lemonis ha lanciato The Good Samaritan Program, che consente al suo team di oltre 7mila dipendenti di godere di 32 ore retribuite l’anno di volontariato per le cause di cui sono appassionati. “Un sacco di dipendenti che mi hanno contattato“, aggiunge nel video, “e quello che vogliamo fare è che, se oggi un parco nazionale ha bisogno di ulteriore lavoro o di un ulteriore aiuto, i nostri dipendenti sono disposti a prestare volontariamente il loro tempo all’interno del loro programma e probabilmente altre ore in aggiunta, per venire ad aiutarti a ripulirlo.”

FILANTROPIA ED ETICA – Lemonis ha una lunga esperienza nel prendere provvedimenti quando è chiaro che il tempo è essenziale per chi ha bisogno. Più recentemente, dopo che Puerto Rico fu devastata dall’uragano Maria, noleggiò un aereo cargo e lo caricò di provviste, condannando allo stesso tempo la mancanza di organizzazione per aiutare coloro che chiaramente soffrono. “È molto difficile scoprire di cosa ha bisogno la gente a Porto Rico“, aveva detto all’epoca. “Non potrei essere più frustrato dalla mancanza di notizie sui social media… Non voglio vedere nessuna foto, non voglio leggere storie dell’orrore, ma quello che voglio sentire sono le idee e le soluzioni di cose che potrebbero essere inviate laggiù oltre al denaro“.

COME ACCETTARE L’OFFERTA DI LEMONIS – In sintesi, che cosa offre Lemonis? Se si è già un dipendente del parco che ha bisogno di ore extra a pagamento o di aiuto, ecco come raggiungere Marcus e il suo team per assistenza: inviare un’email a nationalparks@campingworld.com
Se si ha bisogno di un lavoro, nel corpo dell’email basta aggioungere i propri dati. Se si ha bisogno di assistenza, nella riga dell’oggetto della email si può aggiungere una cosa come: “Hai bisogno di volontari in [inserisci nome parco]”. Il team di Lemonis monitorerà le richieste finché Whashington non sblocca la situazione. “Stiamo cercando di fare la nostra parte e preservare l’integrità dei parchi nazionali e delle persone che ci lavorano“, dice. “Siamo tutti orgogliosi di essere qui, abbiamo un bel paese e una terra meravigliosa e questi parchi nazionali devono essere preservati e vogliamo essere parte di questo processo“. (Fonte: Mother Nature Network)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.