Motore di ricerca: ecco Lilo, che finanzia progetti sociali

Motore di ricerca: ecco Lilo, che finanzia progetti sociali

Motore di ricerca: ecco Lilo, che finanzia progetti sociali

Lilo è il primo motore di ricerca solidale italiano ed è stato lanciato da Federica Fusco, studentessa 24enne dell’Università romana di Tor Vergata, con l’obiettivo di riversare i profitti del web per finanziare delle associazioni.
“Le ricerche che facciamo tutti i giorni generano un guadagno pari a 30€ all’anno per i motori di ricerca. Partendo da questa consapevolezza, volevo impegnarmi in un’economia digitale che rimettesse parte dell’umano su internet. Mi piaceva l’idea che gli utenti potessero ‘riprendere potere’ e decidere a cosa destinare i soldi che creano con le loro ricerche“, spiega Federica Fusco.
Lilo assicura la pertinenza dei risultati, avendo sviluppato una tecnologia di metamotore e utilizzando gli algoritmi dei più grandi motori di ricerca. Funziona come Google, ma la differenza sta che per ogni ricerca l’utente guadagna una simbolica goccia d’acqua (logo della piattaforma e simbolo del denaro generato) che poi potrà donare a uno o più progetti a scelta delle categorie: sociale, ambientale, sanità e cultura.
Per chi volesse proporre il proprio progetto sulla piattaforma Lilo, invece, basta compilare un modulo online sul sito https://www.lilo.org/it/contatti/ ed entro due settimane si riceverà la risposta di eventuale ammissibilità, tra i requisiti quello di essere presenti da più di un anno nel dominio sociale, ambientale, sanitario o culturale.
“Lilo permette a tutti di comprendere l’impatto che ciascuno può avere nella società, sensibilizza le persone a problematiche che si conoscono, ma davanti alle quali spesso ci si sente impotenti. Con questo motore di ricerca ci avviciniamo a progetti che ci stanno a cuore attraverso un gesto semplice come navigare sul web”, conclude Fusco.

 

Anna Simone

 

Anna Simone

RELATED ARTICLES

WaterFirst, la competizione su progetti per l’acqua

WaterFirst, la competizione su progetti per l’acqua

Scade il 30 dicembre 2017 il termine per presentare le candidature per WaterFirst!, la competizione rivolta a start

SCOPRI DI PIÙ

Leave a Reply