Natale: i 5 consigli di PureGreen per non sprecare cibo

I rifiuti alimentari possono costituire fino al 40% della spazzatura e aumentano durante le festività.

0 710
Sapevate che i rifiuti alimentari possono costituire fino al 40% del contenuto del vostro bidone della spazzatura e tendono ad aumentare durante il periodo festivo? Molte persone non sono consapevoli del fatto che lo spreco di cibo contribuisce in maniera significativa al cambiamento climatico a causa del metano, un potente gas serra che si accumula nelle discariche. Inoltre, tutte le risorse e l’energia necessarie per la produzione e il trasporto del cibo che gettiamo saranno un ulteriore spreco. Si tratta di motivi sufficienti per mantenere lo spreco di cibo al minimo.

 

[kelkoogroup_ad id="13540" kw="nature" /]

COSA SPRECHIAMO?

A Natale sprechiamo soprattutto denaro (43%) e cibo (41%) ma anche carta e imballaggi (11%) e tempo (5%). Tanto che per gli italiani, le feste natalizie rappresentano sì un momento di piacere (28%) ma anche di spreco (23%) quasi a pari merito con un periodo di regali (19%). È quanto emerge dai dati Waste Watcher presentati in occasione della consegna dei Premi Vivere a Spreco Zero, i piccoli ‘Oscar’ della sostenibilità assegnati dalla campagna Spreco Zero di Last Minute Market e dal progetto Reduce del ministero dell’Ambiente e Università di Bologna – Distal.

 

COSA SI SPRECA A NATALE?

“Denaro e cibo, innanzitutto, secondo gli intervistati dell’Osservatorio Waste Watcher – spiega Andrea Segrè, fondatore del movimento Spreco Zero – Non dobbiamo abbassare la guardia: lo spreco domestico ci costa infatti ogni giorno all’incirca 1 euro, pari a 145 kg di cibo gettato in casa ogni anno, per 6,9 euro la settimana e 360 euro circa ogni anno. E’ una questione su cui si gioca il futuro della Terra, per questo dobbiamo sensibilizzare innanzitutto i giovani, dai bimbi ai millennials della generazione Z”.

La buona notizia è che ci sono molti modi semplici per ridurre lo spreco di cibo. Cosa che aiuterà l’ambiente e vi farà risparmiare denaro.
Ecco i nostri consigli:
1) Organizza il tuo banchetto in modo che gli avanzi possano essere mangiati freddi o siano facili da riscaldare il giorno successivo.
2) Un po’ di controllo delle porzioni, che consente alle persone di servirsi da sé e conservare gli avanzi correttamente. Tutto contribuisce a ridurre il cibo destinato alla discarica. Cucinare troppo è uno dei motivi principali per cui il cibo va sprecato.
3) Servi più verdura e vegetali. Come regola generale, sapete che la carne ha un impatto ambientale maggiore nella sua produzione rispetto a frutta, verdura e cereali.
È più facile compostare gli avanzi di frutta e verdura piuttosto che occuparsi degli avanzi di carne.
4) Controlla se dove vivi esiste un programma di riciclaggio di rifiuti alimentari, che non sia la raccolta dell’umido. Un composter urbano è un’ottima soluzione per tutti gli avanzi, inclusi gli avanzi di carne.
5) Connettiti con persone che stanno già compostando, in modo da deviare parzialmente il flusso dei tuoi avanzi di cibo dalla discarica.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.