Nuatan, la plastica naturale biodegradabile diventa cibo per i pesci

Fatta di amido di mais, zucchero e olio da cucina usato, è stata creata dal Crafting Plastics Studio che l'ha presentata al London Design Festival.

0 289

Nuatan è una plastica naturale biodegradabile che può essere tranquillamente mangiata dai pesci. Infatti è una tipologia rivoluzionaria di bioplastica compostabile, fatta di amido di mais, zucchero e olio da cucina usato, creata dal Crafting Plastics Studio e presentata al London Design Festival. Secondo i suoi ideatori, che hanno dedicato sei anni di ricerca a questo progetto, “Nuatan potrebbe sostituire tutto il packaging di plastica attualmente in commercio. Questo materiale rivoluzionario e i suoi molteplici usi sono stati mostrati durante l’evento “Feel Free to Consume (Sentiti libero di consumare n.d.r.). Nuatan arriva in un momento di crescente interesse tra i progettisti nell’esplorazione di soluzioni ai problemi dell’inquinamento plastico. “Esiste più di una soluzione [al problema dei rifiuti di plastica], ma questa è una delle soluzioni che sappiamo che funzionerà nell’ambito dell’economia circolare“, ha affermato la designer Vlasta Kubušová del Crafting Plastics Studio.

[kelkoogroup_ad id="13540" kw="nature" /]

“Nuatan proviene al 100% da risorse rinnovabili, è 100% biocompatibile e 100% biodegradabile. Il cambiamento nell’industria della plastica è ormai vicino“.

“Nuatan proviene al 100% da risorse rinnovabili, è 100% biocompatibile e 100% biodegradabile. Il cambiamento nell’industria della plastica è ormai vicino”.

NUATAN – La bioplastica innovativa, presentata in una mostra durante il London Design Festival, è più resistente delle precedenti bioplastiche e si degrada in modo innocuo quando è compostato o ingerito. La designer Vlasta Kubušová del Crafting Plastics Studio ha dichiarato che una volta ottenuto il certificato di sicurezza alimentare, il materiale potrebbe essere utilizzato per il confezionamento di alimenti e bevande, il che significa che i suoi usi potrebbero essere quasi illimitati. “Una volta ottenuto il certificato, è possibile sostituire tutte le confezioni che conosciamo“, ha affermato. Nuatan è il risultato di sei anni di ricerca condotta con scienziati dei materiali presso l’Università tecnologica slovacca. È una miscela di due diversi biopolimeri. L’acido poliacidico (PLA) è una plastica naturale derivata dall’amido di mais mentre il poliidrossibutirrato (PHB) è ottenuto dall’amido di mais che è stato metabolizzato dai microrganismi.

BIOPLASTICA BIODEGRADABILE AL 100% – I due ingredienti vengono miscelati secondo una ricetta brevettata per creare il nuovo materiale, che può essere stampato a iniezione, oppure in 3D o soffiato come le plastiche tradizionali. I progettisti sostengono che il materiale possa resistere a temperature di oltre 100 gradi Celsius senza perdere l’integrità e ha una durata di 15 anni. “Per la prima volta, un materiale biodegradabile completamente di componenti bio può essere considerato come un concorrente in termini di proprietà e processabilità“, hanno detto a Deneen. Nuatan potrebbe essere usato per sostituire tutti i prodotti in plastica monouso come bottiglie d’acqua, sacchetti di carta e cannucce, tutti elementi che hanno recentemente ricevuto pesanti critiche a causa del loro impatto sull’ambiente.

Nuatan può essere digerito dai pesci.

NUATAN DIVENTA CIBO PER I PESCI – A differenza della plastica prodotta da materie prime a base di carbonio, Nuatan è biocompatibile, il che significa che è innocuo per le creature viventi. “Si degrada all’interno del corpo umano o degli animali“, ha detto Kubušová. “Se i pesci la mangiano, si degrada nei loro corpi“. Il materiale è anche biodegradabile e può essere suddiviso in composti industriali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: BIOPLASTICA, Sì ANCHE DA COCA-COLA E LEGO

I COSTI – Tuttavia, il costo di produzione del materiale deve scendere prima che Nuatan possa essere utilizzato su larga scala. I progettisti sono alla ricerca di partner per aiutare a sviluppare nuovi prodotti per aumentare la domanda, che sperano possa portare a una riduzione del prezzo. “Se riusciamo a trovare i collaboratori giusti, possiamo cambiare molte cose“, ha detto Kubušová a Deezn.

Nuatan è stata utilizzata per creare una collezione di occhiali.

OCCHIALI BIOPLASTICI – I designer hanno iniziato a dimostrare le eccellenti proprietà di Nuatan utilizzandola per prodotti di lusso, che possono permettersi di essere venduti a prezzi più alti. Due anni fa lo studio ha sviluppato occhiali con montature colorate utilizzando pigmenti naturali come scarti di caffè, curcuma e indaco. “Abbiamo iniziato con prodotti con valore aggiunto in cui il prezzo del materiale non fa troppa differenza“, ha detto Kubušová. “Ci auguriamo che questi prodotti possano creare una domanda maggiore in modo che il prezzo possa scendere.” Ora stanno cercando di sviluppare una gamma più ampia di prodotti industriali e sostengono che Nuatan può essere utilizzato per tutto tranne per gli usi che necessitano grande resistenza, come le parti esterne delle auto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: GREENTIME, OROLOGI, OCCHIALI E GIOIELLI IN LEGNO 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: NEUBAU EYEWEAR, GLI OCCHIALI CHE SPOSANO SOSTENIBILITà E BELLEZZA

STAMPA 3D E SOFFIAGGIO – “Abbiamo iniziato con gli occhiali e ora usiamo Nuatan per la stampa 3D, lo stampaggio a iniezione e altre tecnologie di produzione di plastica“, ha affermato la designer.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.