Rinnovabili elettriche FER, il nuovo decreto

Spazio anche al fotovoltaico. Il provvedimento, che disciplina gli incentivi dedicati all’energia elettrica da impianti FER per il triennio 2018-2020, non però è ancora nella sua versione definitiva.

0 735

Rinnovabili elettriche, il nuovo decreto valido per il 2018-2020. Il Ministero dello sviluppo economico lo aveva fatto intendere, ora arriva la conferma: il nuovo decreto rinnovabili elettriche fa spazio anche al fotovoltaico. Il provvedimento, che disciplina gli incentivi dedicati all’energia elettrica da impianti FER per il triennio 2018-2020, non però è ancora nella sua versione definitiva. Arriva la prima bozza di decreto sulle rinnovabili elettriche per il periodo 2018-2020 dove trovano spazio sette bandi a partire dal 30 novembre e incentivi anche per il fotovoltaico. Leggi qui il testo integraleL’obiettivo del decreto è quello di sostenere la produzione delle rinnovabili elettriche nell’arco del triennio attraverso “la definizione di incentivi e modalità di accesso che promuovano l’efficacia, l’efficienza e la sostenibilità degli oneri di incentivazione in misura adeguata al perseguimento degli obiettivi nazionali e con modalità conformi agli aiuti di Stato Ue”. Lo schema, inviato nei giorni scorsi dal MiSE al Ministero dell’Ambiente, dovrà recepire il via libera (ed eventuali proposte) da parte dell’ARERA (l’Autorità energetica) e dalla Conferenza unificata, prima di essere spedito a Bruxelles per l’ok finale. In attesa che l’atto completi la trafila burocratica, ecco quali sono le anticipazioni.

LE NOVITA’ – Alcuni elementi non cambiano: per accedere agli incentivi i progetti devono esser selezionati per l’iscrizione ai registri (quando la loro potenza è inferiore a 1 MW) o competere tramite aste al ribasso (se la loro potenza è maggiore a 1 MW). Ma la principale novità introdotta dal decreto rinnovabili elettriche è rappresentata dall’introduzione di gare tecnologicamente neutre. Ciò significa che fonti diverse dovranno darsi battaglia sugli stessi contingenti di potenza. Nel dettaglio, la bozza predispone sette bandi a partire dal 30 novembre di quest’anno, suddividendo ogni procedura di asta e registro in tre classi tecnologiche differenti.

1- La prima classe è dedicata a fotovoltaico ed eolico a cui va la parte da leone: in gara ci sono, in totale, 580 MW per l’iscrizione ai registri e 4.800 MW per le aste al ribasso con priorità alle offerte ricevute da progetti su discariche, cave e miniere esaurite, o aree di pertinenza di discariche e siti contaminati.

2- La seconda classe è aperta a impianti idroelettrici, geotermici (priorità a quelli con re-iniezione totale del fluido), a gas derivati da processi depurativi o a gas da discarica: in gara c’è un contingente di potenza di 140 MW per i registri e 245 MW per le aste.

3- La terza classe comprende interventi di rifacimento totale o parziali di tutte le tecnologie sopra elencate a patto che gli impianti siano in esercizio da almeno due terzi della loro vita utile e non stiano ricevendo già degli incentivi al momento della domanda. Il bando mette all’asta un totale di 490 MW mentre 70 MW spettano agli impianti iscritti ai registri.

CHI ACCEDE AGLI INCENTIVI – Accedono ai meccanismi di incentivazione “previa partecipazione a procedure pubbliche per la selezione dei progetti” gli impianti “di nuova costruzione e integralmente ricostruiti e riattivati di Potenza inferiore a 1 MW”, gli impianti oggetto di potenziamento purché la differenza tra prima e dopo sia inferiore sempre a 1 MW e gli impianti oggetto di rifacimento di potenza sempre inferiore a 1 MW. Per tutti gli impianti di potenza superiore il meccanismo previsto è quello delle aste al ribasso. “L’erogazione degli incentivi è sospesa nelle ore in cui si registrano prezzi finali orari pari a zero per un periodo superiore a 6 ore consecutive”. Lo stesso nel caso si “registrino prezzi negativi quando saranno introdotti nel regolamento del mercato elettrico italiano”, si legge nella bozza.

RAZIONALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI – Il decreto punta inoltre sulla razionalizzazione degli interventi: gli impianti non potranno essere realizzati in maniera indiscriminata in zone già sature di fer non programmabili connesse in rete. Per questo motivo, gli operatori dell’infrastruttura elettrica dovranno comunicare al GSE le zone critiche indicando l’ulteriore capacità produttiva massima che può essere aggiunta alla rete. Alle procedure d’asta, inoltre, potranno partecipare anche impianti esteri, a patto ovviamente che esportino la loro produzione elettrica in Italia (previo accordo di libero scambio). L’erogazione degli incentivi, si legge ancora nelle pagine del decreto rinnovabili elettriche, sarà sospesa nelle ore in cui si registreranno prezzi zonali orari pari a zero per un periodo di 6 ore consecutive; la stessa disposizione si applicherà anche quando arriveranno i prezzi negativi nel regolamento del mercato elettrico italiano.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.