Salviamo le chiocciole d’Italia

Salviamo le chiocciole d’Italia

Salviamo le chiocciole d’Italia

Si chiama “Salviamo le chiocciole d’Italia” il progetto per studiare, proteggere e salvaguardare due specie di molluschi endemici della Toscana a rischio di estinzione: la Melanopsis etrusca, presente nella sola Maremma, e la Xerosecta giustii, presente nella fascia ristretta delle Colline Metallifere grossetane.
È portato avanti da Friend of the Earth, programma internazionale per la certificazione di prodotti da agricoltura e allevamento sostenibili, in collaborazione con il Museo di Storia Naturale dell’Università di Firenze “La Specola” e consiste in un insieme di azioni concrete da intraprendere su base triennale che comprendono: lo studio sulla variabilità genetica delle popolazioni relitte, l’approfondimento delle conoscenze sulla biologia delle due specie, l’avvio di allevamenti ex situ per la creazione di banche biologiche, la protezione e la riqualificazione degli habitat caratteristici delle specie, l’organizzazione di eventi di educazione e di sensibilizzazione della cittadinanza, lo sviluppo di iniziative eco-compatibili per lo sviluppo del turismo e per la valorizzazione dei territori interessati.

“Questo è un lavoro pionieristico e forse è la prima volta che sul territorio italiano ed europeo vengono create delle banche biologiche con lo scopo di proteggere e conservare specie di molluschi continentali a rischio di estinzione. Se questo tentativo andasse a buon fine, il metodo messo a punto potrebbe essere replicato per altre specie e in habitat diversi”, ha commentato Simone Cianfanelli, del Museo di Scienza Naturale “La Specola” e responsabile scientifico di Salviamo le chiocciole d’Italia.
La Toscana non è l’unica regione del Belpaese a ospitare specie di chiocciole in via di estinzione. Secondo i dati contenuti all’interno delle Liste Rosse dell’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, è noto che sono alcune decine le specie di gasteropodi, meglio noti come chiocciole, a “rischio” e a “grave rischio di estinzione” sparse su tutto il territorio nazionale.
Le cause di minaccia sono molteplici, come l’uso di pesticidi nocivi, l’urbanizzazione dilagante, la regimentazione degli argini, i prelievi idrici incontrollati o l’introduzione di specie aliene sono tutti fattori che insieme hanno provocato la graduale distruzione degli habitat. In alcuni casi, disastri naturali, cambiamenti climatici e prelievi a scopo di collezionismo hanno aggravato ancora di più il quadro generale.
“L’Italia è campione di biodiversità anche in fatto di numero e varietà di gasteropodi presenti. Nella sola Toscana, tra Equi Terme e Bagni di Lucca, sono 4 su 6 le specie di chiocciole termali a rischio. Se il loro habitat venisse distrutto definitivamente, queste specie, che si trovano solo in questo territorio, scomparirebbero dalla faccia della Terra. Uno dei motivi della distruzione degli habitat è la deviazione delle acque termali e il loro utilizzo nelle terme. Invitiamo le aziende del settore benessere, le amministrazioni locali e chiunque volesse ad unirsi a noi per supportarci nello studio e la protezione degli habitat fragili che rimangono da salvaguardare”, ha concluso Paolo Bray, direttore di Friend of the Earth.

La Redazione

Anna Simone

RELATED ARTICLES

WaterFirst, la competizione su progetti per l’acqua

WaterFirst, la competizione su progetti per l’acqua

Scade il 30 dicembre 2017 il termine per presentare le candidature per WaterFirst!, la competizione rivolta a start

SCOPRI DI PIÙ

Leave a Reply