San Valentino, regala le rose equosolidali della cooperativa di Oserian

0 227

San Valentino è alle porte e molti regaleranno un mazzo di rose alla propria amata. E non sarebbe splendido scegliere di acquistare rose del commercio equo e solidale? Per questo motivo vogliamo raccontare la storia di Monicah, che lavora da quindici anni nella cooperativa Oserian (in lingua masai “luogo di pace”) in Kenya, occupandosi della coltivazione delle rose. Se a San Valentino riceverai o regalerai delle rose, molto probabilmente infatti proverranno dall’Africa, in particolare da Kenya ed Etiopia. “La vita delle donne che lavorano nelle piantagioni di fiori qui in Kenya non è affatto facile: sono sottoposte a turni massacranti in un ambiente in cui le temperature sono molto alte, entrano in contatto con sostanze pericolose per la salute e subiscono molestie da parte dei colleghi. Se non bastasse, i salari che ricevono sono molto bassi. Io sono fortunata, Oserian offre uno stipendio doppio rispetto al salario minimo e rispetto alla maggior parte delle altre piantagioni di fiori in Kenya”, racconta Monicah.

[kelkoogroup_ad id="13540" kw="nature" /]
Monicah Wangui Kamau, lavoratrice della cooperativa Oserian in Kenya

KENYA E ETIOPIA; LE ROSE PROVENGONO DA QUI – Le rose provengono dal Kenya perché il Paese ha una lunga tradizione di aziende di origine olandese che hanno iniziato a delocalizzare lì già dagli anni 60; provengono anche dall’Etiopia perché da qualche anno il Paese sta attuando una politica di incentivi per l’ingresso di aziende straniere, attirate dal basso costo della manodopera, degli affitti delle terre e dalla mancanza di dazi.

POTREBBE INTERESSARTI: FAIRTRADE, CRESCE IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

SFRUTTAMENTO E SALARI BASSI – Racconta Monicah: “Nonostante io lavori qui da quindici anni, sei giorni a settimana, per otto ore al giorno, i soldi non bastano mai: ricevo 10.746 Ksh (scellino kenyota) al mese, ma con una figlia all’università e le altre spese, non sono abbastanza. Per ora con mio marito e le nostre tre figlie viviamo tutti insieme in una stanza. Un giorno mi costruirò una casa tutta mia, ma per ora i soldi che guadagno mi servono per aiutare i miei figli, fino a quando non saranno indipendenti”. A Oserian si coltivano rose certificate Fairtrade, le cui vendite quindi generano il Premio Fairtrade che i lavoratori investono in progetti a loro scelta. Il comitato per la gestione del Premio Fairtrade di Oserian ha scelto di investirne una parte nell’istruzione, finanziando borse di studio per i figli degli operai. La figlia maggiore di Monicah è una di quelli che ne ha beneficiato.

I giovani studenti dell’Oserian Hilltop Academy in Kenya.

PREMIO FAIRTRADE – Grazie al Premio Fairtrade, gli operai possono frequentare corsi di formazione, per esempio sulla parità di genere e sul primo soccorso. Monicah, per esempio, è stata eletta dai suoi colleghi ‘rappresentante di genere’. In pratica, aiuta le persone a conoscere i loro diritti, in particolare riguardo alle molestie subite sul lavoro e a cosa fare in caso ne siano vittime. “Offro consigli alle donne su come farsi valere. Ma non lavoro solo con le donne, anche gli uomini possono aprire i loro cuori. La vita è dura, ma la nostra felicità dipende dal modo in cui affrontiamo ogni cosa. E se facciamo tutto con coscienza, possiamo raggiungerla!”.

POTREBBE INTERESSARTI: OXFAM DENUNCIA L’INSOSTENIBILE PESANTEZZA DELLA DISUGUAGLIANZA

DOVE COMPRARE LE ROSE – In Italia le rose Fairtrade sono distribuite dalla cooperativa Flora Toscana e puoi trovarle in alcuni supermercati e ipermercati Coop. Ma non basta: vuoi aiutare i lavoratori come Monicah ad avere un futuro migliore? Chiedi al tuo fioraio di fiducia se conosce le rose Fairtrade e di proporle nel suo negozio, siamo sicuri che molte persone come te vorranno fare la propria parte – non solo a San Valentino – per migliorare le condizioni di lavoro e di vita di questi lavoratori!


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.