Schwarzenegger e DiCaprio: no alle trivellazioni di Trump

Arnold Schwarzenegger critica il piano del presidente Trump di espandere drasticamente le trivellazioni offshore di petrolio e gas naturale.

0 567

Non toccare la California, se vuoi trivellare, fallo fuori di Mar-a-Lago“, ha commentato lunedì l’ex governatore della California Arnold Schwarzenegger in un discorso per criticare aspramente le dichiarazioni del presidente Donald Trump, riferendosi al resort presidenziale di Palm Beach, in Florida. Poi ha rincarato la critica attraverso Twitter: “O meglio ancora, guarda al futuro, segui la guida della California e diventa green, così noi tutti possiamo respirare più facilmente. La più grande economia degli Stati Uniti è quasi il 50% rinnovabile. #ProtectThePacific“.

COS’ERA SUCCESSO – All’inizio di gennaio, l’amministrazione Trump aveva proposto di aumentare le nuove trivellazioni offshore di petrolio e gas al largo delle coste del Pacifico e dell’Atlantico. La proposta ha attirato le critiche sia dei liberali sia dei conservatori, che avvertono che tali operazioni in mare potrebbero esporre le aree costiere ai rischi di scoppi, esplosioni, sversamenti catastrofici e scosse sismiche.

Arnold Schwarzenegger (Photo by Noel Vasquez/Getty Images)

REPUBBLICANO GREENSchwarzenegger, che è repubblicano, è diventato un importante sostenitore di energie rinnovabili dalla coscienza ambientalista. Ha anche fatto sentire il proprio peso politico in occasione dell’estensione del programma cap-and-trade della California firmato dal suo successore, il governatore democratico Jerry Brown. “Le nostre industrie di pesca, turismo e tempo libero impiegano centinaia di migliaia di persone fantastiche“, ha continuato Schwarzenegger. “Le nostre coste sono una miniera d’oro economica, non bisogna metterle a rischio“.

LEONARDO DICAPRIO – Anche l’attore e noto ambientalista Leonardo DiCaprio si è espresso contro le trivellazioni offshore attraverso Twitter, utilizzando lo stesso hashtag #ProtectThePacific visto nel tweet di Schwarzenegger.

UN PARZIALE DIETRO FRONT – Parziale marcia indietro governativa una settimana dopo l’annuncio dell’amministrazione Trump, quando l’Interior Sec. Ryan Zinke ha detto che la Florida è “ovviamente unica” e “fuori dal tavolo” dalla lista degli Stati che potrebbero vedere un aumento delle trivellazioni petrolifere offshore, in seguito all’appello del governatore repubblicano dello Stato, Rick Scott.

GLI AMBIENTALISTI – La mossa ha spinto immediatamente i politici e gli ambientalisti degli Stati costieri in tutto il paese a chiedere che anche i loro Stati siano esentati. Secondo il New York Times, “almeno 15 governatori di Stati costieri, un terzo dei quali guidati da repubblicani, si sono opposti pubblicamente al piano di trivellazione offshore di Trump”.

Michael Moore (Photo by Robin Marchant/Getty Images)

MICHAEL MOORE – Il tweet di Schwarzenegger è simile alla minaccia fatta dal filmmaker Michael Moore, critico nei confronti di Trump, che, dopo l’annuncio del piano di trivellazione, si è ritrovato a fuggire dalla costa della Florida dove soggiornava nella sua casa di vacanza. “Trivelleremo direttamente al largo di Mar-a-Lago. Dio ti benedica Donald Trump per averlo reso possibile! L’olio che trivelliamo subito davanti alla tua spiaggia ci ripagherà di tutto lo spettacolo! E lasciamo ogni goccia estratta alla Florida a titolo gratuito!“. Moore ha anche risposto con grande ironia al secco ‘no’ della Florida alla proposta di perforazione: “ASPETTARE CHE COSA? Trump sta togliendo la Florida dalla lista degli Stati in cui fare trivellazioni offshore, dopo che io ho già affittato il mio equipaggiamento per trivellare davanti a Mar-a-Lago? E l’ha fatto tre giorni dopo l’annuncio? Bastardo!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.