Valtellina Outdoor, il portale e l’app sulle possibilità escursionistiche di Bormio e dintorni

Il suo utilizzo su smartphone e tablet consente una visualizzazione delle mappe in alta definizione e la possibilità di verificare in ogni momento la propria posizione rispetto al sentiero prescelto, anche laddove non ci sia la connessione internet.

0 84

Valtellina Outdoor sarà un’eccezionale vetrina virtuale sulle possibilità escursionistiche di Bormio e dintorni: un’app e un portale a portata di click. Una nuova, grande opportunità per gli appassionati di escursionismo, sia a piedi sia in mountain bike, nel contesto di un’amplissima sezione delle Alpi centrali che comprende il comprensorio di Bormio, Livigno, il Tiranese, Sondrio e la Valmalenco: è online il nuovo portale www.valtellinaoutdoor.it – affiancato dall’app “Valtellina Outdoor” – dedicato specificamente a oltre 300 itinerari, estivi e invernali. Il suo utilizzo su smartphone e tablet consente una visualizzazione delle mappe in alta definizione e la possibilità di verificare in ogni momento la propria posizione rispetto al sentiero prescelto, anche laddove non ci sia la connessione internet, scaricando preventivamente l’itinerario che si intende percorrere. L’applicazione completa è disponibile gratuitamente. Riguardo alla condivisione dei percorsi, si può importarli su Facebook, Instagram, Whatsapp oppure incorporare all’interno del proprio sito web la mappa interattiva di ogni escursione, completa di profilo altimetrico, file gpx e pdf, in modo semplice e veloce.

VETRINA VIRTUALE – Molto oltre una semplice guida, questa eccezionale vetrina virtuale, disponibile in italiano, inglese e tedesco, non solo consente una visione d’insieme sulle sconfinate opportunità escursionistiche valtellinesi,ma è anche interattiva, permettendo agli utenti più avanzati di programmare un itinerario o di verificare quello appena percorso, calcolandone i dati tecnici: altimetria, dislivello, durata, quota massima e quota minima. Inoltre c’è anche la possibilità, registrandosi, di creare un proprio tracciato personalizzato.

PERCORSI E ITINERARI A PORTATA DI CLICK – Le descrizioni dei percorsi, per tutte le attitudini (sia per i biker sia per gli hiker), corredate da una ricca iconografia, comprendono oltre ai dettagli tecnici e alle difficoltà, anche una valutazione d’insieme degli stessi dal punto di vista paesaggistico-culturale e focus specifici. Inoltre c’è la possibilità di vedere il tracciato in 3D e, per i tratti mappati, in Streetview.

BORMIO, PARADISO PER TREKKING E MTB – Bormio e i suoi dintorni sono un vero e proprio paradiso per gli appassionati di trekking e della mountain bike, con tante splendide escursioni, di diversa difficoltà: dalla semplice passeggiata per famiglie, alla tranquilla ciclabile, fino alle uscite più difficili in alta quota. Così, nelle proposte di “Valtellina Outdoor” per gli amanti delle due ruote, partiamo dalla descrizione della ciclabile della Valdidentro, adatta alle famiglie e ai bambini, passando poi per quelle di Bormio, Valfurva e Valdisotto, per arrivare infine ai tracciati più impegnativi come l’ascesa alMortirolo (con pendenze che superano il 20%), al Gavia e al leggendario Passo dello Stelvio, per chi volesse confrontarsi con la storia del ciclismo in una delle salite più dure al mondo. Tra gli itinerari ciclopedonali più scenografici, da ricordare inoltre il Sentiero Valtellina: 114 km da Colico a Bormio, lungo il corso dell’Adda.
Anche per le mtb le possibilità sono innumerevoli, dalla Pedemontana della Reit, con splendidi panorami sulla conca di Bormio, sino agli spettacolari e tecnici tracks dell’Alta Valtellina Bike Marathon a Valdidentro, oltre 100 km per 6500 m di dislivello tra salita e discesa.

ALCUNE PROPOSTE DI ITINERARI – Non c’è che l’imbarazzo della scelta pure per gli hiker con suggerimenti soft – quali il percorso ad anello Paluaccio e Forte di Oga a Valdisotto, alla scoperta del particolare ecosistema della torbiera, o ancora la selvaggia Val di Rezzalo, nei dintorni di Sondalo, con il suo bel sentiero che si snoda tra baite in pietra a secco e dei fienili – per arrivare alle emozionanti vie d’alta quota come quella che conduce alla Valle dei Forni, sopra S. Caterina Valfurva, di fronte all’omonimo ghiacciaio.
Ma è Il Giro del Confinale che sta entrando sempre più nella “lista dei desideri” di tutti gli amanti della montagna: un percorso che si sviluppa nella natura selvaggia e incontaminata del Parco Nazionale dello Stelvio, tra la Val Zebrù, la Val Cedec e la Valle del Confinale e risulta al tempo stesso un itinerario accessibile, modulabile e percorribile sia a piedi che in mountain bike. Il Giro del Confinale è pensato per offrire un nuovo modo di vivere e conoscere le Alpi, e per farlo si basa su due moduli: il primo di tre giorni, adatto a famiglie e gruppi di escursionisti con tappe da 4/6 ore, e il secondo di due giorni, con tappe da 6/8 ore per i più esperti. Lungo il “Giro” c’è la possibilità di sostare e, naturalmente, pernottare appoggiandosi a una rete di attrezzatissimi e confortevoli rifugi alpini.
Il periodo estivo (fino al 20 settembre circa) è senza dubbio il momento ideale per affrontare questo percorso ad anello tra boschi, ghiacciai, piante secolari, alti pascoli e vallate verdissime. Inoltre c’è la possibilità di avvalersi di esperte guide alpine, per andare alla scoperta della flora e della fauna selvatica: qui è possibile scorgere, tra i tanti animali selvatici, stambecchi, gipeti, camosci ed ermellini.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.