Inquinamento acustico: come proteggere i bambini

0 88

Traffico stradale, voci, urla, musica a tutto volume, segnali acustici: già così basterebbe, ma bisogna aggiungere i rumori delle attività commerciali con climatizzatori e frigoriferi, insieme alle discoteche e i pub sotto casa, che popolano la sempre rumorosa movida, senza tralasciare le attività industriali e artigianali. Di fatto il rumore di fondo è presente mediamente per il 95% del tempo nelle nostre orecchie, notte e giorno, ed è un problema per adulti e bambini.
Come proteggere dunque i più piccoli dall’inquinamento acustico?

[kelkoogroup_ad id="13540" kw="nature" /]

1 Tenere basso il volume della tv e della musica, sia ascoltata con lo stereo in casa sia in cuffia.

2 Evitare l’acquisto di giocattoli che emettono suoni molesti e vigilarne l’uso, perché i bambini non dovrebbero avvicinarli troppo all’orecchio.

3 A tavola non tenere accesa la tv o la radio, per evitare sovrapposizioni di suoni.

4 Non portare a lungo i bambini nei centri commerciali: la musica di sottofondo e la sovrapposizione di centinaia di voci e di diversi rumori affatica l’orecchio

5 Ricorrere alle doppie finestre per chi vive in aree trafficate per migliorare l’isolamento acustico della propria casa.

La Redazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.