Cosmetici cruelty-free, cosa c’è da sapere

Cosmetici cruelty-free, cosa c’è da sapere

Come orientarsi per scegliere i cosmetici cruelty-free

Cosmetici cruelty-free, cosa c’è da sapere

Buone notizie: le cavie da laboratorio non sono più destinate a morte certa, almeno per quanto riguarda i prodotti cosmetici. Si è detto stop agli animali intossicati da profumi e bruciati da creme e da saponi. Dopo oltre vent’anni di battaglie il lieto fine è arrivato con l’entrata in vigore a livello europeo del divieto di commercializzare prodotti cosmetici contenenti ingredienti testati su animali.

Anche se il divieto normativo è un passo avanti verso la civiltà, rimangono alcuni nodi. È vero che gli ingredienti cosmetici non possono più essere testati su animali e usati nei cosmetici in vendita in Europa, però nulla vieta di testare sostanze per ritrovati non cosmetici (come ad esempio per i detersivi) e in seguito utilizzarli anche nella cosmesi. Per giunta, una multinazionale non può testare sugli animali i nuovi ingredienti dei prodotti cosmetici destinati al mercato europeo, ma può sperimentarli lo stesso sugli animali per vendere quei prodotti nel resto del mondo.

Come consumatori possiamo optare per le case cosmetiche che aderiscono allo standard cruelty-free (senza crudeltà), l’unico disciplinare internazionale di “Stop ai test su animali”. In Italia è promosso dalla LAV (Lega Anti Vivisezione) e indica ai consumatori le aziende produttrici di cosmetici che non sperimentano sugli animali in nessuna parte del mondo. Le realtà industriali aderenti si impegnano a non effettuare, né direttamente né indirettamente, test sugli animali; a monitorare i fornitori e i produttori affinché rispettino l’impegno a non testare più sugli animali le materie prime cosmetiche; a non utilizzare sostanze provenienti da animali uccisi.

La lista ufficiale delle aziende che aderiscono allo standard internazionale “cruelty-free” è riportata sul sito internet della LAV (nella sezione ”test cosmetici”), mentre al momento dell’acquisto teniamo presente che alcuni di questi prodotti sono riconoscibili dal logo comunitario del coniglietto che salta fra le due stelle, anche se non tutte le aziende che aderiscono allo standard riportano il simbolo sulla confezione.

Anna Simone

Anna Simone

RELATED ARTICLES

WaterFirst, la competizione su progetti per l’acqua

WaterFirst, la competizione su progetti per l’acqua

Scade il 30 dicembre 2017 il termine per presentare le candidature per WaterFirst!, la competizione rivolta a start

SCOPRI DI PIÙ

Leave a Reply