Orso, cosa fare quando se ne incontra uno

Orso, cosa fare quando se ne incontra uno

In consigli per evitare guai

Orso, cosa fare quando se ne incontra uno

Passeggiare e imbattersi in un orso, incubo o avventura allo stato puro? Dipende da come finisce l’incontro e anche un po’ dal carattere della persona.
In Italia non è un’eventualità remota, soprattutto in Abruzzo, dove vive l’orso marsicano, sottospecie unica al mondo e preziosa per la biodiversità. Dobbiamo considerare che una femmina d’orso per trovare il cibo necessario a vivere copre un’area ampia fino a 140 kmq, mentre i maschi arrivano fino a 300 kmq. Un vagare che rende probabili le occasioni di incontro con l’uomo. Ma niente allarmismi: l’orso per natura teme l’uomo e tende a mantenere le distanze.
Il Wwf, con la collaborazione di alcuni dei suoi esperti, ha stilato una lista di informazioni e regole da seguire.

  • Se volete evitare di incontrare un orso sul vostro cammino, basta parlare o produrre rumori in modo che l’animale percepisca la vostra presenza con anticipo e si allontani.S
  • Se avete la fortuna di intravedere l’orso in lontananza, arrestatevi e rimanete fermi a osservarlo almeno a 100 metri di distanza, non meno. Non avvicinatevi mai ai cuccioli, anzi allontanatevene subito perché la madre di solito rimane nei paraggi vicina e potrebbe reagire male per difendere i piccoli.Non avvicinatevi mai a una tana di orso e non tentate di entrarvi.
  • Se vi doveste imbattere improvvisamente in un orso a distanza ridotta, mantenete la calma e non urlate, ma parlate per farvi riconoscere. Se l’orso rimane fermo, allontanatevi con calma, indietreggiando o muovendovi lateralmente. Se l’orso dovesse seguirvi, fermatevi e mantenete la vostra posizione. Non lanciate contro l’animale pietre o bastoni, non scappate di corsa e non arrampicatevi su un albero.
  • È molto improbabile che l’orso vi attacchi, ma se dovesse farlo, rimanete immobili: con grande probabilità si fermerà vicino a voi senza alcun contatto fisico. Se l’attacco dovesse arrivare al contatto, distendetevi a terra a faccia in giù, coprendovi il collo con le mani. Rialzatevi solo quando l’orso non sarà più nei paraggi e segnalate l’accaduto al Parco e ai Carabinieri-Forestali.
  • Se passeggiate con il vostro cane tenetelo al guinzaglio per evitare che si avvicini a un orso, disturbandolo o attaccandolo, ma anche che lo conduca verso di voi se dovesse tornare indietro in cerca di protezione.
  • Non date mai da mangiare agli animali selvatici e non abbandonate mai cibo e altri rifiuti organici nel bosco e nelle sue vicinanze, né nei pressi di rifugi. Tutti i rifiuti devono essere riportati a casa, oppure depositati in bidoni della spazzatura non accessibili alla fauna. È importante che gli orsi non associno fonti alimentari con la presenza umana, perché questo accentuerebbe i conflitti tra le due specie.

Anna Simone

 

 

Anna Simone

RELATED ARTICLES

WaterFirst, la competizione su progetti per l’acqua

WaterFirst, la competizione su progetti per l’acqua

Scade il 30 dicembre 2017 il termine per presentare le candidature per WaterFirst!, la competizione rivolta a start

SCOPRI DI PIÙ

Leave a Reply