La rivista di stile, vita, benessere e cultura green a 360 gradi

Rimedi green per curare l’orto

1

Parassiti: al suono di questa parola coloro che coltivano l’orto sono presi da brividi perché queste minuscole forme di vita sono tanto piccole quanto insidiose. Per fortuna ci sono molti rimedi naturali per salvare le coltivazioni.

L’aglio ha una funzione antibatterica, è efficace contro afidi, acari, oidio, muffa grigia e ruggine. Si può preparare un infuso con 100 grammi di bulbi tritati in 10 litri d’acqua e poi distribuire il liquido su piante e terreno. In alternativa, va bene anche interrare degli spicchi di aglio direttamente alla base delle piante da proteggere.

Il peperoncino è ricco di sostanze azotate e dai suoi semi si estrae una polvere dall’elevato potere deterrente per afidi e lumache. L’ideale è preparare una soluzione con 2 grammi di polvere di peperoncino in un litro di acqua, agitare e distribuire sulle piante una volta a settimana in caso di sole, o un paio di volte a settimana in caso di pioggia.

La cenere di legna è un ottimo fertilizzante e nello stesso tempo è utile contro cavolaie, altiche e lumache.Va spolverizzata sulle foglie di cavolo e sui ravanelli per tenere lontane cavolaie e altiche, invece se distribuita sul terreno attorno alle giovani piantine ostacola l’attacco delle lumache.

Il macerato di ortica svolge un’azione simile a quella dell’insetticida. Si prepara immergendo per 12 ore 1 kg di ortica fresca o 100 g di ortica essiccata in 10 litri d’acqua, avendo cura di mescolare un paio di volte durante la giornata. Trascorso il tempo, si filtra e poi si spruzza al mattino e alla sera sulle piante attaccate dagli afidi. Questo rimedio non è indicato per cavoli e crucifere.

Il pomodoro sconfigge afidi e cavolaia, basta preparare un decotto con 2,5 Kg di foglie di pomodoro in un litro d’acqua e poi diluire il liquido filtrato in 10 litri di acqua fredda che andrà spruzzata sulle piante da curare.

L’equiseto stimola la crescita delle piante e le difende da malattie fungine, carpocapsa, mosca delle ciliegie, tignola del porro e acari in genere. Il rimedio prevede di preparare un macerato con un kg di pianta fresca senza radici (150 grammi se secca) in 10 litri di acqua. Il tutto va spruzzato su piante e terreno aggiungendo al tot del liquido una quantità di acqua fresca tripla.

 

Anna Simone

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.