Farmaci, come conservarli correttamente

0 70

Qualità, sicurezza ed efficacia dei farmaci possono essere ridotte da una cattiva conservazione. L’Agenzia Italiana del Farmaco ha stilato una guida su come conservarli in modo corretto, soprattutto in estate quando le temperature salgono.

[kelkoogroup_ad id="13540" kw="nature" /]

È necessario leggere le modalità di conservazione dei farmaci indicate nei foglietti illustrativi. Se non ci sono indicazioni particolari, i farmaci vanno conservati in un luogo fresco e asciutto a una temperatura non superiore ai 25°: esporli a temperature superiori per più di due giorni, ne anticiperebbe la scadenza.
Agenti atmosferici come eccessiva luce e/o sbalzi di temperatura possono infatti deteriorare i medicinali; in ogni caso non vanno esposti a fonti dirette di calore e a irradiazione solare.

Quando si acquistano farmaci, ad esempio, non vanno tenuti per ore in auto al caldo, ma bisogna portarli a casa appena possibile.
E il freddo? I farmaci temono anche le temperature eccessivamente basse. L’insulina, ad esempio così come i farmaci in sospensione, possono perdere la loro efficacia se “congelati”, quindi meglio non lasciarli a temperature inferiori ai 2° C.

Attenzione poi ai portapillole generici, che potrebbero facilmente surriscaldarsi o rilasciare sostanze nocive e alterare le caratteristiche del medicinale. È sempre meglio estrarre dal contenitore originale (flacone, blister e così via) solo la dose destinata alla somministrazione quotidiana.

La Redazione

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.