Hong Kong, la prima della classe per la mobilità sostenibile

0 98

Hong Kong è la prima città al mondo nel trasporto sostenibile, cui seguono Zurigo e Parigi. A dirlo è il Sustainable Cities Mobility Index 2017 di Arcadis, attiva nella progettazione e nella consulenza per le risorse ambientali e gli asset immobiliari, che ha stilato una classifica di 100 città di tutto il mondo. E l’Italia? Roma si piazza al 40° posto, mentre Milano al 18°.
Hong Kong ha guadagnato la prima posizione perché ha una linea metropolitana innovativa e ben collegata, leve che spingono i cittadini e i turisti a spostarsi per lo più con questo mezzo di trasporto; mentre Zurigo, Parigi e Praga – le città europee con la miglior posizione nella classifica mondiale – hanno ottenuto un buon punteggio grazie a infrastrutture consolidate, metropolitane efficienti e investimenti nella tecnologia green.

[kelkoogroup_ad id="13540" kw="nature" /]

Passando al Belpaese, il capoluogo lombardo si posiziona bene per la quota di viaggi totali effettuati con mezzi pubblici (21° posto a livello globale e sesto in Europa), contesto in cui Roma si trova solo alla 61esima posizione. Entrambe le città, inoltre, si collocano nella seconda metà della classifica per la quota di pendolari che si recano a lavoro in bici o a piedi: Milano, insieme ad altre tre città, è alla posizione 54 (23 in Europa) e Roma alla 60. Male, invece, i valori per i livelli di inquinamento atmosferico: la capitale, insieme a Parigi, è al 55° posto, mentre Milano al 64°.
“Oggi la mobilità pone sfide pressanti che devono essere affrontate tenendo d’occhio il giusto equilibrio tra necessità attuali e future in tema di trasporto urbano sostenibile – commenta Roberto Talotta, country leader e managing director di Arcadis Italia -. Gli investimenti in mobilità guidati da scelte coraggiose premieranno quelle città che sapranno realizzarli, aumentandone la competitività e migliorando la vita dei cittadini. Questo vale anche per le nostre città, alcune delle quali sono rimaste indietro rispetto a realtà straniere più evolute”.

La Redazione

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.