La rivista di stile, vita, benessere e cultura green a 360 gradi

BeeScanning: l’app che difende le api dai parassiti

1

Per difendere le api dall’attacco dell’acaro Varroa, un parassita che colpisce gli alveari di tutto il mondo, ora c’è uno strumento in più che sfrutta la tecnologia moderna. Si chiama BeeScanning ed è frutto dell’intuizione di un apicoltore svedese, Bjorn Lagerman, che ha pensato di ideare una app per smartphone in grado di  valutare la presenza dell’acaro nelle colonie di api.

Nello specifico BeeScanning permette agli apicoltori di scattare diverse immagini delle loro colonie di api usando una app dedicata, che a sua volta sottopone le immagini a un algoritmo di machine learning che è in grado di identificare l’acaro Varroa. Se il sistema ritiene che ci sia un’infestazione, avvisa l’apicoltore che può provvedere a un intervento immediato.

Il problema principale nella difesa contro l’acaro Varroa è proprio di scoprirne tempestivamente la  presenza, cosa non facile considerando che il parassita è piccolo e non è sempre evidente sul corpo delle api che ha raggiunto. A Lagerman è capitato di scoprire casualmente il Varroa in alcune foto che aveva scattato delle sue api e questa circostanza lo ha spinto a”generalizzare” il rilevamento, così ha raccolto un gruppo di esperti che avevano già lavorato a sistemi per l’identificazione di dettagli specifici nelle immagini e nei video e ha fatto partire il progetto BeeScanning.

Al momento, il progetto è approdato su Kickstarter per raccogliere i fondi sufficienti a suo sviluppo:  è nella fase iniziale cioè di addestramento dell’algoritmo che deve poi andare a riconoscere la presenza dell’acaro.

La Redazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.