Bici, le città più sicure per pedalare

0 74

Alle recensioni siamo sempre più abituati. Prima di andare in un locale spesso leggiamo cosa ha scritto chi ci è stato prima di noi. Ora c’è una app per dire la nostra anche sul tragitto in bici. Si tratta della funzione Bike Safe di Wecity, dove è possibile “votare” il livello di sicurezza del viaggio.

[kelkoogroup_ad id="13540" kw="nature" /]

L’utente assegna una stella ai tragitti più pericolosi e fino a un massimo di 5 stelle per quelli più sicuri. I dati raccolti in soli sei mesi hanno permesso di mappare decine di città e di definire un indicatore generale, chiamato Indice di ciclabilità urbana, che classifica le città in base alla sicurezza per chi pedala. Non è poco, considerando che dai dati diffusi dall’Istat sugli incidenti stradali è emerso che nel 2015 ben 16.827 ciclisti sono stati feriti e 252 sono morti.
Reggio Emilia guida la classifica come città più sicura e bike friendly, con un indice di ciclabilità urbana di 3.33 (il massimo è 5), e permette alle bici di girare addirittura contromano; segue Torino, con un indice di 3.13: con 800,5 km pedalati (una copertura del 29,5%) la community di Torino ha messo in evidenza le zone sicure e quelle pericolose.
Al terzo posto si posiziona Modena che con un indice di 3.05, che vanta la più alta copertura di strade mappate, quasi il 40%; in quarta posizione c’è Bologna, che ha oltre un quarto delle strade mappate e un indice di ciclabilità urbana di 2.81.

Le Amministrazioni pubbliche stanno iniziando a considerare l’Indice di ciclabilità urbana come un criterio per misurare i risultati delle politiche di mobilità e uno strumento per analizzare i dati relativi agli spostamenti in bici. Ma c’è ancora da fare molto sul tema della sicurezza in bicicletta.

La Redazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.