Dalla Spagna le facciate ventilate per migliorare l’efficienza energetica degli edifici

Dalla Spagna le facciate ventilate per migliorare l’efficienza energetica degli edifici

Dalla Spagna le facciate ventilate per migliorare l’efficienza energetica degli edifici

Uno dei temi più importanti per il miglioramento dell’impatto ambientale in edilizia è quello relativo alla capacità di un edificio di mantenere un adeguato scambio termico. Sempre più spesso ci si ritrova a vivere in strutture che non conservano efficacemente il calore in inverno e contribuiscono, invece, a far aumentare la temperatura interna d’estate.

Questo processo è direttamente legato tanto al posizionamento della casa e alla zona nella quale questa è costruita, quanto a un’inefficienza nello scambio termico delle facciate dell’edificio. La mancanza di efficienza, in questo senso, si traduce in un elevato conto relativamente al consumo energetico. Le spese per una migliore climatizzazione degli edifici possono superare abbondantemente il 60% del totale, in alcuni casi.

Dalla Spagna, per risolvere il problema relativo all’accumulo e alla dispersione di calore durante l’anno, arrivano le facciate ventilate smart. Gli attuali progetti per la costruzione delle facciate esterne degli edifici prevedono lo sviluppo di strati isolanti interni accompagnati da una camera per il passaggio dell’aria. A questi due strati, più interni, vanno ad aggiungersi i due strati più esterni che servono da sostegno e da rivestimento.

L’Universidad Politecnica de Madrid ha sviluppato un progetto per la costruzione di un’ulteriore intercapedine tra le strutture di sostegno e la camera di passaggio per l’aria. Questa è dotata, inoltre, di un ulteriore elemento che funziona da regolatore per migliorare il rapporto tra la temperatura dell’aria esterna e quella interna.

I dati riportati nel paper prodotto dai ricercatori hanno evidenziato segnali incoraggianti per il miglioramento dell’efficienza delle facciate ventilate. Nel periodo estivo si è potuta notare una migliore efficienza nella distribuzione del calore sulle facciate esposte di circa il 40%, mentre il miglioramento della distribuzione durante il periodo invernale è stata di circa il 33%.

Questo tipo di progetto nello sviluppo di edifici più “smart” rispetto alle condizioni climatiche può rappresentare un deciso miglioramento per efficienza e consumi energetici, soprattutto nelle grandi città

Lorenzo Tagliaferri

RELATED ARTICLES

ReStart4Smart, la casa del futuro

ReStart4Smart, la casa del futuro

In legno, super tecnologica e alimentata solo da energia solare: queste le caratteristiche di ReStart4Smart, il pro

SCOPRI DI PIÙ

Leave a Reply