La rivista di stile, vita, benessere e cultura green a 360 gradi

I funghi ora nascono dai fondi caffè

1

I fondi di caffè di solito finiscono con i rifiuti organici per poi essere trasformati in compost, ma oggi possono avere una seconda vita fino a poco tempo fa sconosciuta: si possono riciclare per coltivare funghi.
Sono un substrato ideale per la presenza naturale di minerali e sostanze nutritive utili alla crescita dei funghi e molte start-up stanno investendo in questa scoperta. I fondi di caffè si miscelano con cellulosa e micelio, cioè il filamento da cui nasce il fungo, e poi si lascia incubare il composto per qualche settimana a determinate temperature. Infine, si imbusta il tutto in un kit speciale da innaffiare per far crescere i funghi.

Da scarto a risorsa, è proprio il caso di dirlo. Infatti, i fondi di caffè sono un rifiuto non da poco, considerando che in Italia esistono 110mila bar che ne producono ogni anno 300mila tonnellate; a cui vanno aggiunte le tonnellate prodotte in casa.
Le start-up che sono nate attorno alla coltivazione dei funghi da caffè utilizzano i fondi delle attività commerciali perché possono essere raccolti secondo determinati criteri logistici e igienico sanitari, ma le persone in casa possono coltivare funghi commestibili acquistando i box di coltivazione.

La Redazione

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.