QUI: Borgofuturo, da Ripe San Ginesio rinascono i borghi

QUI: Borgofuturo, da Ripe San Ginesio rinascono i borghi

La sostenibilità economica e sociale contro lo spopolamento

QUI: Borgofuturo, da Ripe San Ginesio rinascono i borghi

È partito il progetto di riqualificazione sostenibile del borgo di Ripe San Ginesio, si chiama “QUI: Borgofuturo” ed è amico dell’ambiente perché a basso impatto ambientale. Di recente sono stati presentati i bandi per l’affidamento degli spazi di proprietà comunale posti nel centro storico che, ristrutturati e resi efficienti dal punto di vista energetico, saranno messi a disposizione di imprenditori, artisti e co-worker per favorire la rinascita della comunità, anche delle attività economiche, e combattere lo spopolamento.

Ripe San Ginesio è piccolo comune di 800 abitanti in provincia di Macerata, ma rappresenta un esempio di sostenibilità da imitare.
L’intento di QUI: Borgofuturo è mettere in contatto chi lavora in proprio, accogliere realtà virtuose e portare nuova linfa al borgo, infatti il bando premierà attività ed imprese innovative, creative e sostenibili, in linea con la filosofia del paese.

“L’obiettivo è far sì che le attività che saranno ospitate negli spazi riqualificati diventino sostenitori e promotori del borgo, facciano nascere una comunità che lo animi e lo riattivi da un punto di vista economico, sociale e culturale, combattendo allo stesso tempo lo spopolamento del territorio”, spiega il sindaco di Ripe San Ginesio, Paolo Teodori. “Il comune si impegna a supportare nei prossimi anni le imprese che si insedieranno, attraverso attività culturali ed eventi finanziati dall’amministrazione stessa, per fare rete e promozione”, aggiunge Teodori. “Il progetto parte ora con questa fase sperimentale con la speranza di replicare l’esperienza su un territorio più grande e far sì che altri comuni possano seguire il nostro esempio per creare una rete locale”.

Ripe San Ginesio del resto già si distingue per la vocazione sociale e ambientale: il piccolo comune ha un impianto fotovoltaico che assicura l’energia alle utenze comunali come uffici pubblici ed illuminazione stradale; la scuola elementare è ad alta efficienza energetica; ha un impianto solare termico per produrre acqua calda per la palestra e l’asilo nido; i lampioni e i lumini del cimitero sono a led; la raccolta differenziata è pari all’85%.

Dal 7 al 9 luglio, inoltre, il comune ospiterà la quinta edizione di Borgofuturo, il festival della sostenibilità a misura di borgo.

Anna Simone

Anna Simone

RELATED ARTICLES

Autunno, tempo di mele e zenzero da bere

Autunno, tempo di mele e zenzero da bere

Dall’incontro tra il sapore dolce e gradevole del frutto autunnale per eccellenza e della spezia più amata d

SCOPRI DI PIÙ

Leave a Reply