La rivista di stile, vita, benessere e cultura green a 360 gradi

Restarter, gli oggetti elettronici tornano a funzionare

1

Parola d’ordine: aggiustare. È questo il motto che muove il gruppo dei restarter, i volontari che insegnano a riparare oggetti elettronici rotti così da non doverli gettare nella spazzatura.

Il tutto nasce da The Restart Project, un’organizzazione no-profit londinese, che da anni organizza attività di riparazione in pub, gallerie d’arte, biblioteche e spazi pubblici, diffondendo l’entusiasmo per l’approccio collaborativo e comunitario alla riparazione, sia nel Regno Unito sia a livello internazionale.
Gli incontri, i Restart Party, sono eventi itineranti di tre ore organizzati in spazi comunitari della città, in cui coloro che hanno un minimo di competenze tecniche aiutano i londinesi a riparare e a fare manutenzione dei prodotti di elettronica di consumo.
Il progetto si è diffuso anche in Italia, dove si contano già cinque i gruppi attivi a Milano, Torino, Firenze, Aosta e Langhe-Roero, in provincia di Cuneo. Si danno appuntamento via Facebook e chi porta dispositivi rotti partecipa attivamente alla riparazione e se si scopre che servono pezzi di ricambio i restarter aiutano a trovarli.

“Sono molto entusiasta delle potenzialità di costruire una comunità globale di riparatori attraverso i Restart Party, per diffondere un uso più sostenibile dei gadget elettronici” dice Tony Roberts, uno degli amministratori di The Restart Project. “The Restart Project è una risposta convincente a una serie di questioni collegate tra loro: l’ambiente, un utilizzo meno dispendioso ed energivoro delle risorse e un crescente desiderio di resistere a un consumismo sfrenato.”
L’idea di una rete globale per promuovere la riparazione di prodotti elettronici, che sostenga lo sviluppo futuro della loro organizzazione non sembra così lontana.

Anna Simone

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.